La Svezia è scossa dalle molestie sessuali che avrebbe subito la principessa Viktoria

L'intellettuale francese Arnalult è accusato di aver palpeggiato la principessa. È il marito della poetessa Katarina Frostenson, che fa parte dell'Accademia che decide il Nobel per la letteratura. È anche accusato di molestie e violenze sessuali contro almeno 18 donne

La Svezia è scossa dalle molestie sessuali che avrebbe subito la principessa Viktoria
 (Afp)
 La principessa di Svezia Viktoria e suo marito, il principe Daniel

La principessa Viktoria di Svezia sarebbe stata molestata dal fotografo franco-svedese Jean-Claude Arnault, già al centro di uno scandalo molestie sessuali all'Accademia Reale svedese che assegna il premio Nobel per la letteratura. Secondo quanto riferito da tre testimoni al quotidiano locale Svenska Dagbladet, nel 2006, durante un evento all'Accademia, Arnault, marito della potessa Katarina Frostenson, membro dell'istituzione, avrebbe "palpeggiato" la principessa, poi soccorsa da una assistente che si è "lanciata sul fotografo e lo ha allontanato con la forza".

La famiglia reale non ha commentato le accuse ma ha diffuso un comunicato di sostegno al movimento #metoo, lanciato negli Usa dopo lo scandalo che ha coinvolto il produttore Harvey Weinstein.  Già qualche giorno fa, in seguito alle dimissioni di sei membri dell'accademia dopo le accuse di molestie ad Arnault, si era diffuso il timore che quest'anno potrebbe essere cancellato o rinviato il premio Nobel per la letteratura, il cui vincitore è deciso dall'Accademia svedese dal 1901. Lo scorso novembre il fotografo franco-svedese è stato accusato da diciotto donne di averle aggredite o violentate tra il 1996 e il 2017. Arnault respinge le accuse. 

"L'offesa oscena a Sua Altezza reale Victoria è gravissima e scuote l'opinione pubblica", scrive Repubblica. "Per il fatto in sé, per come gli svedesi, quanto gli altri scandinavi retti da monarchie, amano la loro casa reale vicina alla gente. E perché Viktoria, socialmente impegnata per l'infanzia e ogni politica di pace e ogni problema sociale e sposata con un commoner che ha trasformato in nobile e principe consorte, è amata come nel Regno Unito ieri Lady Diana e oggi Kate Middleton. Un colpo al cuore del Paese, insomma".

Le dimissioni sono un gesto simbolico perchè la carica di membro dell'accademia è a vita, ma i membri hanno la possibilità di astenersi dai lavori, che riguardano le selezioni dei candidati al Nobel. "Tecnicamente le dimissioni non hanno valore perchè l'incarico è a vita ma i sei membri che hanno lasciato possono rifiutarsi di partecipare alle attività dell'Accademia. Per questo non è ancora chiaro cosa succederà all'edizione di quest'anno del premio per la letteratura. Molto probabilmente sarà cancellato o posposto", scrive Il Messaggero. La decisione finale sul Nobel per la letteratura dovrebbe essere presa il 3 maggio. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.