Nelle Filippine è crisi delle cipolle, costano più della carne

Nelle Filippine è crisi delle cipolle, costano più della carne

L'ortaggio, ingrediente base della dieta locale, scarseggia ed è finito al centro di un lucroso contrabbando. I ristoranti lo hanno tolto dai menù e ai viaggiatori non è possibile portarne con sé senza permesso

crisi cipolle filippine

© Jam Sta Rosa/ AFP - Una donna al mercato a Manila

AGI - Conseguenza diretta dell'inflazione che colpisce i beni di prima necessità, nelle Filippine le cipolle sono il nuovo oro, diventando un vero e proprio prodotto di lusso al centro di un traffico miliardario in parte intercettato dalle autorità. In pochi mesi è effettivamente salito alle stelle il prezzo delle cipolle, ingrediente base della cucina filippina, acquisendo di conseguenza un valore sempre maggiore oltre a scarseggiare sui mercati. I ristoranti le hanno tolte dai loro menù, i funzionari hanno avvertito i viaggiatori di non importarne senza un permesso speciale.

Secondo dati ufficiali, il mese scorso nelle Filippine il prezzo delle cipolle ha raggiunto 700 pesos al chilo, circa 11,78 euro, costando quindi più del salario minimo giornaliero nel Paese del Sud-Est asiatico e più del costo della carne. Inoltre nel 2022 sono state sequestrate decine di migliaia di chili di cipolle, per un valore compreso tra circa 9 e 11 milioni di dollari. L'ortaggio ha rappresentato il 30% dei prodotti agricoli di contrabbando ed è diventato il simbolo dell'aumento del costo della vita in generale, che a dicembre ha raggiunto il suo livello massimo degli ultimi 14 anni. "Prima compravamo dai tre ai quattro chilogrammi di cipolle al giorno. Ora ne compriamo mezzo chilo, il massimo che possiamo permetterci", ha raccontato alla Bbc Rizalda Maunes, proprietaria di una pizzeria nella città di Cebu (Centro).

Le ragioni della penuria

Esperti e gruppi di agricoltori hanno suggerito varie spiegazioni per la crisi delle cipolle: dalla mancanza di celle frigorifere, all'aumento della domanda post-pandemia, al contrabbando e all'impatto dei disastri naturali.Tuttavia non sono solo le cipolle a costare di più: anche il prezzo delle uova è aumentato, mentre il Paese ha dovuto affrontare una carenza di zucchero. 

La crisi dei beni alimentari essenziali ha fatto crescere la pressione sul presidente Marcos Jr, che si è nominato segretario all'Agricoltura quando è entrato in carica, promettendo che avrebbe incrementato la produzione in un momento in cui i prezzi alimentari globali sono cresciuti drasticamente, riconoscendo la "situazione di emergenza". All'inizio di gennaio ha approvato l'importazione di cipolle rosse e gialle nel tentativo di incrementare l'offerta. Gli esperti affermano che la riapertura dell'economia filippina sta guidando la domanda, mentre il maltempo ha influito sulla produzione di cibo, comprese le cipolle.

Un bouquet di cipolle

"Ad agosto, il Dipartimento dell'Agricoltura aveva previsto una potenziale carenza di radici. Pochi mesi dopo, le Filippine sono state colpite da due potenti tempeste che hanno causato danni sostanziali ai raccolti", ha spiegato Nicholas Mapa, economista senior presso ING Bank. L'aumento dei prezzi ha colpito anche le bancarelle di cibo di strada a Cebu, popolari tra la gente del posto e i turisti. Le cipolle diventano così ricercate che una sposa 28enne di Iloilo, April Lyka Biorrey, in tradizionale abito bianco ha scelto un bouquet di cipolle nel giorno delle nozze, lo scorso 21 gennaio, a simboleggiare l'alto valore dell'ortaggio. "Allora ho pensato, perchè non le cipolle? è pratico in un modo che potrebbe ancora essere usato dopo il matrimonio", ha riferito ai media la giovane sposa, le cui fotografie sono diventate virali e hanno fatto il giro del mondo.

Nelle scorse settimane, 10 membri dell'equipaggio della Philippine Airlines sono stati indagati per aver tentato di contrabbandare quasi 40 kg di cipolle e frutta nei bagagli. I funzionari della dogana hanno poi assicurato che non dovranno affrontare accuse, ribadendo ai viaggiatori il divieto di trasportare prodotti alimentari senza permesso.

Marie-Anne Lezoraine, della società di consulenza Kantar Worldpanel, ha avvertito che anche il cambiamento climatico rappresenta una grave minaccia per la sicurezza alimentare del Paese. "Il potere d'acquisto è limitato per la maggior parte dei consumatori che già si possono permettere solo l'essenziale. Se il cambiamento climatico provoca carenze e quindi un aumento dei prezzi, causerà un impatto molto dannoso su un'ampia percentuale di consumatori nelle Filippine", ha anticipato l'esperta. Secondo lei il prezzo delle cipolle potrebbe stabilizzarsi a patto che il governo importi una quantità maggiore. Tuttavia, la tempistica potrebbe essere sfavorevole in quanto coincide con la stagione del raccolto di febbraio per le cipolle prodotte localmente e i prezzi potrebbero effettivamente scendere drasticamente una volta che sia il raccolto che le importazioni arriveranno sul mercato quasi contemporaneamente.