Il serial killer The Serpent "deve essere scarcerato"

Il serial killer The Serpent "deve essere scarcerato"

La decisione dei giudici del Nepal è stata motivata dalle condizioni di salute di Charles Sobhraj, 78 anni. La sua vicenda ha ispirato una serie tv prodotta da Netflix 

nepal bikini killer scarcerazione serpent 

© PRAKASH MATHEMA / AFP
 
- Charles Sobhraj 

AGI -  Un tribunale nepalese ha ordinato la scarcerazione di Charles Sobhraj, un serial killer e truffatore di 78 anni nato a Saigon e di cittadinanza francese che depredò  i turisti occidentali che viaggiavano sul sentiero degli hippie dell'Asia meridionale durante gli anni '70.

Era conosciuto come "Bikini Killer" a causa dell'abbigliamento di molte delle sue vittime, così come "The splitting Killer" e "The Serpent", a causa della sua abilità di serpente per evitare di essere scoperto.

 La Corte Suprema ha stabilito che Sobhraj, 78 anni, in carcere nella repubblica himalayana dal 2003 per aver ucciso due turisti nordamericani, deve essere liberato per motivi di salute. "Tenerlo in prigione non è in linea con i diritti umani del prigioniero", si legge nel verdetto.

"Se non ci sono altri casi pendenti contro di lui per tenerlo in prigione, questa corte ordina il suo rilascio entro oggi e... il ritorno nel suo Paese entro 15 giorni". Dopo un'infanzia travagliata e diversi periodi di detenzione in Francia per reati minori, Sobhraj ha iniziato a viaggiare per il mondo all'inizio degli anni '70 ed è finito nella capitale thailandese Bangkok.

Il suo modus operandi consisteva nell'affascinare e fare amicizia con le sue vittime, molte delle quali erano viaggiatori occidentali in cerca di spiritualità, prima di drogarle, derubarle e ucciderle. Elegante e sofisticato, il suo primo omicidio fu quello di una giovane donna americana il cui corpo è stato trovato in bikini su una spiaggia di Pattaya, nel 1975.

Alla fine è stato collegato a più di 20 omicidi. Le sue vittime venivano strangolate, picchiate o bruciate e spesso usava i passaporti degli uomini che aveva ucciso per viaggiare.

Il soprannome di Sobhraj, "Il Serpente", deriva dalla sua capacità di assumere altre identità per sfuggire alla giustizia. Un soprannome famoso che è diventato anche il titolo di una serie di successo realizzata l'anno scorso dalla BBC e da Netflix che racconta la sua vita.

Fu arrestato in India nel 1976, dopo la morte per avvelenamento di un turista francese in un hotel di Delhi, e fu condannato a 12 anni per omicidio. In totale Sobhraj ha trascorso 21 anni da detenuto in carcere, con una breve pausa nel 1986, quando è evaso ed è stato nuovamente catturato nello stato costiero indiano di Goa.

Rilasciato nel 1997, torna in Francia, dove vive tra interviste e set fotografici, guadagnando somme ragguardevoli. Incurante delle conseguenze torna poi in Nepal, dove era ancora ricercato per l'omicidio di un canadese e un'americana, e nel 2003 viene arrestato in un casino di Kathmandu. L'anno successivo un tribunale gli ha inflitto l'ergastolo per aver ucciso la turista statunitense Connie Jo Bronzich nel 1975, la prima vittima.

Un decennio dopo è stato riconosciuto colpevole anche dell'omicidio del compagno canadese della Bronzich. Nel 2008, Sobhraj ha sposato in carcere Nihita Biswas, di 44 anni più giovane e figlia del suo avvocato nepalese.