Prima esecuzione in Iran per le proteste contro il regime

Prima esecuzione in Iran per le proteste contro il regime

Shekari, 23 anni, era stato arrestato a settembre e oggi impiccato perché ritenuto colpevole del reato di "guerra contro Dio".  Media: la polizia spara sui genitali delle manifestanti. Meloni: "Il governo italiano è indignato"  

Iran giustiziato primo manifestante da inizio proteste genitali 

© AFP 
- Proteste in Iran 

AGI - La magistratura della Repubblica islamica ha annunciato che Mohsen Shekari - arrestato nell'ambito delle manifestazioni che, da quasi tre mesi, chiedono maggiori libertà in Iran - è stato giustiziato. Si tratta della prima esecuzione di un manifestante dall'inizio delle proteste anti-governative nel Paese, scattate a metà settembre dopo la morte, in custodia della polizia morale, di Mahsa Amini.

Come se non bastasse, le forze di sicurezza iraniane stanno prendendo di mira le donne durante le proteste contro il regime, sparando ai loro volti, ai seni e ai genitali. E' la denuncia a cui arriva il Guardian dopo interviste realizzate con i medici in tutto il Paese. 

 

 

Medici e infermieri – che curano i manifestanti in segreto per evitare l'arresto – hanno rilevato che le donne spesso arrivavano con ferite diverse rispetto agli uomini, colpiti invece alle gambe, alle natiche e alla schiena. Nonostante la censura sul web abbia nascosto gran parte della sanguinosa repressione dei manifestanti, le foto fornite dai medici al Guardian hanno mostrato ferite devastanti su tutto il corpo, conseguenza di colpi esplosi a distanza ravvicinata.

Alcune delle foto mostravano persone con decine di minuscoli pallini conficcati in profondità nella carne.    

 Il Guardian ha parlato con 10 medici professionisti, i quali hanno avvertito che le ferite potrebbero causare a centinaia di giovani iraniani danni permanenti. Spesso, hanno aggiunto, sono stati curati donne, uomini e bambini colpiti agli occhi.   

Per quanto riguarda Shekari, la Bbc nella sua edizione in farsi, ricorda che un tribunale rivoluzionario lo aveva giudicato colpevole del reato di "guerra contro Dio" per aver bloccato una strada "con l'intento di creare terrore e uccidere" e aver ferito "intenzionalmente", con un'arma da taglio, un membro della forza paramilitare dei Basij, mentre era in servizio.

Secondo la magistratura, l'imputato avrebbe confessato. La sentenza era stata poi confermata dalla Corte Suprema.

Ad annunciare l'esecuzione è stata l'agenzia di stampa legata alla magistratura iraniana Mizan. La notizia arriva mentre altri detenuti rischiano la pena di morte per il loro coinvolgimento nelle proteste, diventate una delle sfide piu' serie alla teocrazia iraniana dalla Rivoluzione islamica del 1979.

Gli attivisti avvertono che anche altri manifestanti potrebbero essere presto giustiziati: sono almeno sette le persone arrestate nell'ambito delle manifestazioni e finora condannate alla pena capitale.
"Bisogna rispondere in modo forte, con misure concrete a livello internazionale, all'esecuzione di Mohsen Shekari, altrimenti dovremo affrontare esecuzioni quotidiane di manifestanti", ha scritto Mahmood Amiry-Moghaddam, direttore del gruppo di attivisti Iran Human Rights con sede a Oslo.

Iran giustiziato primo manifestante da inizio proteste genitali 
Mohsen Shekari

Shekari era stato arrestato il 25 settembre, poi condannato il 20 novembre per "moharebeh", una parola farsi che significa "guerra contro Dio", accusa che comporta la pena capitale.

Le autorità iraniane stanno reprimendo con violenza il movimento di protesta, iniziato con le donne che manifestavano per maggiori libertà e il rispetto dei loro diritti umani e arrivato ormai a coinvolgere anche gli uomini e diverse classi sociali uniti dalla richiesta di mettere fine al sistema stesso della Repubblica islamica. Secondo le Ong per i diritti umani, le vittime della repressione da metà settembre sono oltre 400, di cui una sessantina minorenni. 

Per il portavoce di Amnesty International Italia, Riccardo Noury, sono oltre 30 le persone che rischiano la stessa fine. "Avevamo messo in guardia che in Iran, insieme ai morti nelle strade, ci sarebbero stati morti sul patibolo. Un'altra trentina rischiano l'impiccagione. Cosa attende la comunità internazionale, compreso il governo italiano, a esprimere il massimo della protesta?".

Interviene anche il presidente del Consiglio italiano Giorgia Meloni. "Il governo italiano è indignato di fronte alla condanna a morte di Moshen Shekari, giovane che si era unito alle manifestazioni per la libertà in Iran - dice -.  Questa inaccettabile repressione da parte delle autorità iraniane non può lasciare indifferente la comunità internazionale, e non potrà fermare la richiesta di vita e libertà che viene dalle donne e dai giovani iraniani".