Recuperato il murales di Banksy rubato a Kiev, otto fermati 

Recuperato il murales di Banksy rubato a Kiev, otto fermati 

Nel mirino dei ladri l'opera che lo street artist britannico ha lasciato nei sobborghi bombardati dai russi 

ucraina banksy kiev murales bombardamenti 

© DIMITAR DILKOFF / AFP 
-  La parete vuota dove era stato dipinto il murales di Bansky, rubato e poi recuperato a Kiev dalle forze dell'ordine

AGI - Hanno cercato di rubare uno dei cinque murales che il celeberrimo e misterioso street artist britannico Banksy ha lasciato nei sobborghi di Kiev bombardati dai russi.

Sono stati bloccati in otto e posti in stato di fermo nella cittadina di Hostomel, nell'oblast della capitale ucraina, per l'intervento della polizia che ha recuperato l'opera, raffigurante una donna coi bigodini, un estintore fra le mani e il volto coperto da una maschera antigas.

"Un gruppo di persone ha provato a rubare un murale di Banksy. Hanno staccato l'opera dal muro di una casa distrutta dai russi", ha spiegato il governatore di Kiev, Oleksiy Kuleba, in un post su Telegram, allegando una immagine del pezzo di muro mancante laddove era stata realizzata l'opera.

"Alcune persone sono state fermate sul posto. L'opera è in buone condizioni e si trova nelle mani delle autorita'" ha aggiunto.

Il capo della polizia di Kiev, Andriy Nebitov, ha specificato che "otto persone sono state identificate" come possibili autori del tentativo di furto e che una indagine è in corso. "Si tratta di persone tutte comprese fra i 27 e i 60 anni di età, residenti di Kiev e Cherkasy", che si trova a 200 chilometri a sud-est della capitale.