La Valle del Canton Ticino dove si vive senze rete elettrica

La Valle del Canton Ticino dove si vive senze rete elettrica

Nella Valle Bavona undici località non sono collegate alla rete elettrica mentre la regione produce molta energia grazie alle dighe poste sulle alture

valle del canton ticino dove si vive senze rete elettrica

© Isabelle PINSSON / Photononstop / Photononstop via AFP 
- Val Bavona in Canton Ticino 

AGI - Come ovunque in Europa, le famiglie svizzere sono chiamate a risparmiare energia.

Una sobrietà che viene naturale agli abitanti della Val Bavona, uno dei luoghi più remoti del Paese alpino mai collegato alla rete elettrica.

Situata in Canton Ticino, la regione di lingua italiana del paese, questa valle molto selvaggia di origine glaciale è una delle più ripide e rocciose delle Alpi.

Ma ci sono dodici villaggi con abitazioni in pietra e stalle che ospitano ancora poche decine di abitanti per diversi mesi all'anno, tranne che in inverno quando ci abitano meno di una dozzina.

La singolarità della valle è dovuta al fatto che undici di queste località non sono collegate alla rete mentre la regione produce molta energia elettrica grazie alle dighe poste sulle alture.

Sono stati costruiti dopo la seconda guerra mondiale per portare l'elettricità nella Svizzera tedesca, spiega all'Afp Romano Dado, ex consigliere comunale di Cevio, da cui dipendono le frazioni. Per portare energia in Val Bavona si sarebbero dovuti costruire dei trasformatori, ma "la gente qui non aveva i soldi per quello", dice.

Solo l'ultimo borgo poteva permettersi questo lusso. Con il passare dei decenni, la popolazione residente nella valle si è ridotta da circa 500 a meno di 50 abitanti, e chi ci vive ha imparato a fare a meno della rete elettrica, installando pannelli solari sui tetti già negli anni '80 e usando camini, lampade a cherosene e candele.

Per lavare i panni, "andiamo al fiume come sempre", spiega Tiziano Dado, muratore e fratello di Romano. Questa stretta valle di una decina di chilometri fiancheggiata da vertiginosi pendii rocciosi di oltre 2.500 m di altitudine è stata per secoli interessata da valanghe, alluvioni e smottamenti, talvolta causando morti.

"Era una vita dura ma semplice", ricorda Bice Tonini, 88 anni, che si scalda davanti al camino di casa sua. Nonostante la sua età, continua a viverci dalla primavera ad ottobre grazie al sole.