Al via la missione Aiea in Ucraina. I tecnici attesi a Kiev

Al via la missione Aiea in Ucraina. I tecnici attesi a Kiev

Nel team internazionale anche un ispettore italiano. Mosca accusa: "Colpito il tetto della centrale di Zaporizhzhia". L'8 settembre riunione dei ministri della Difesa Usa e alleati sulla guerra. Scholz annuncia per il 25 ottobre una conferenza sulla ricostruzione

colpito tetto centrale Zaporizhzhia

© Ed Jones /AFP - Centrale di Zaporizhzhia

AGI - Il capo dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea) Rafael Grossi, con una squadra di 11 esperti dell'organizzazione, ha lasciato Vienna diretto a Kiev e poi raggiungere e ispezionare la centrale nucleare di Zaporizhzhia, mentre le forze ucraine hanno lanciato la controffensiva nella regione meridionale costiera di Kherson e la omologa capitale.

"Oggi c'è stato un massiccio attacco di artiglieria alle posizioni nemiche nella regione occupata di Kherson", ha detto al canale televisivo ucraino un funzionario del governo locale. "Questo è ciò che stavamo aspettando dalla primavera: è l'inizio della liberazione della regione", ha aggiunto. Il ministero della Difesa russo ha rivendicato di aver respinto gli attacchi nelle regioni di Kherson e Mykolaiv e di aver inflitto "pesanti perdite" alle forze ucraine.

La città di Kherson si trova circa 200 chilometri a sud-ovest della centrale nucleare di Zaporizhzhia, la piu' grande d'Europa, occupata anche dalle truppe russe dall'inizio di marzo. L'impianto è stato preso di mira durante il fine settimana da nuovi bombardamenti, ha detto il suo operatore, con Mosca e Kiev che sono tornate ad accusarsi reciprocamente per gli attacchi intorno al complesso di sei reattori nucleari a Energodar, una citta' sulle rive del fiume Dnipro.

colpito tetto centrale Zaporizhzhia
Missili nei pressi della centrale di Zaporizhzhia

Gli ultimi scontri intorno alla centrale

Secondo quanto dichiarato dall'amministrazione russa, le forze armate ucraine hanno aperto il fuoco di artiglieria verso la centrale nucleare a Enerhodar, nella parte della regione controllata dalla Russia, e una granata ha colpito il tetto di una struttura speciale della centrale, utilizzata per stoccare il combustibile per i reattori della centrale nucelare. "Le forze armate ucraine stanno sparando con l'artiglieria vicino alle unita' di potenza della centrale nucleare di Zaporizhzhia", ha dichiarato l'amministrazione in un messaggio pubblicato sul suo canale ufficiale.

colpito tetto centrale Zaporizhzhia
© Dimitar DILKOFF / AFP

 
La centrale di Zaporizhzhia

Le immagini pubblicate "mostrano il colpo di un proiettile di artiglieria da 155 mm sul tetto della struttura speciale n. 1 sul terreno della centrale nucleare. Il proiettile è stato sparato da un obice M777 di fabbricazione Usa dalla citta' di Nikopol, sul lato opposto del fiume Dnieper", si legge nella dichiarazione.

Le foto sono state pubblicate anche dall'esponente del consiglio principale dell'amministrazione provvisoria della regione di Zaporizhzhia, Vladimir Rogov, sul suo canale Telegram. Secondo le autorità di Enerhodar, l'obiettivo delle Forze armate ucraine è quello di sventare la missione dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA) e di impedire l'avvio di una cooperazione tra la Russia, l'amministrazione della regione di Zaporizhzhia e l'AIEA.

Il direttore generale dell'Agenzia Internazionale per l'energia atomica (Aiea) ha scritto oggi sul suo account Twitter che un team dell'ente di sta dirigendo alla centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia, oggetto di diversi attacchi negli ultimi giorni. "Il giorno è arrivato - ha scritto su Twitter - la missione Aiea di supporto e assistenza è in corso. Dobbiamo proteggere la sicurezza del più grande impianto nucleare dell'Ucraina e d'Europa".

La missione, ha poi scritto il direttore dell'Aiea Rafael Grossi, arriverà a Zaporizhzhia entro il fine settimana. Più volte Grossi era inervenuto negli ultimi giorni parlando dei rischi imminenti di una catastrofe nucleare. 

"Offensiva di Kiev su Kherson? Fake news"

Il comandante delle forze armate russe in Crimea, Sergei Aksyonov, smentisce un'offensiva delle truppe ucraine a Kherson e nello scacchiere meridionale del conflitto. "Si tratta delle ennesime fake news - ha detto - della propaganda ucraina".

"È un'altra storia fasulla come tutte le precedenti, al pari dei presunti 'attacchi' sul Ponte di Crimea che le truppe corazzate del regime di Kiev avrebbero condotto tante volte". Secondo Aksyonov, le forze ucraine soffrono "grandissime perdite nel settore meridionale e in tutti gli altri, ma devono dimostrare la loro attivita' ai padroni occidentali".