Tutte le promesse disattese dai talebani in Afghanistan

Tutte le promesse disattese dai talebani in Afghanistan

Un rapporto di Amnesty international mette in evidenza la diffusa impunità per crimini come la tortura, le uccisioni per rappresaglia e gli sgomberi forzati di coloro che si oppongono al regime

violenze diritti umani promesse disattese talebani 

© LILLIAN SUWANRUMPHA / AFP - Afghanistan, talebani

AGI - Violenze, violazioni dei diritti umani, promesse non mantenute. Un anno dopo il ritorno dei talebani al controllo dell'Afghanistan, Amnesty International ha documentato in un rapporto la situazione nel Paese.

Il lavoro dell'organizzazione mette in evidenza la diffusa impunità per crimini come la tortura, le uccisioni per rappresaglia e gli sgomberi forzati di coloro che si oppongono ai talebani.

Nel documento "Un anno di violenza, impunità e false promesse", Amnesty rileva che la situazione sul campo è completamente diversa da quella che i leader talebani avevano anticipato nell'agosto 2021, quando assicuravano che i diritti delle donne sarebbero stati rispettati e la libertà della stampa, tra gli altri aspetti.

violenze diritti umani promesse disattese talebani 
© LILLIAN SUWANRUMPHA / AFP
Afghanistan, talebani

"Si sono impegnati pubblicamente a proteggere e promuovere i diritti umani. Ma la velocità con cui stanno smantellando 20 anni di progressi sui diritti umani è sbalorditiva", ha affermato Yamini Mishra, direttore regionale di Amnesty International per l'Asia meridionale. "Ogni speranza di cambiamento - ha aggiunto - è svanita mentre i talebani cercano di governare attraverso una repressione violenta in totale impunità".

I talebani hanno limitato il diritto all'istruzione, oscurando il futuro di milioni di ragazze afgane, afferma Amnesty International, che avverte ulteriormente che le autorità "sottopongono le donne a violenze crescenti", a volte per punire i loro parenti. Decine di donne sono state detenute e torturate per aver partecipato a proteste pacifiche per rivendicare i loro diritti, in mezzo a crescenti restrizioni che le hanno private delle loro libertà, descrive l'organizzazione umanitaria.

"Non dobbiamo restare a guardare mentre i diritti umani di un'intera popolazione crollano. Una risposta internazionale forte, significativa e unita è l'unica speranza di porre fine all'incubo che il popolo afghano sta vivendo da un anno", ha affermato Mishra.

Negli ultimi dodici mesi, AI ha ricevuto "rapporti diffusi" di soldati talebani che picchiano e torturano persone che ritengono abbiano infranto gli editti talebani o che accusano di lavorare con il governo precedente. Centinaia di civili sono stati detenuti arbitrariamente.

"Molti vengono picchiati con il calcio dei fucili o fustigati durante l'arresto", afferma il rapporto. Oltre 80 giornalisti sono stati detenuti e torturati per aver riferito di proteste pacifiche nell'ultimo anno.

Amnesty International sottolinea anche l'uso eccessivo della forza da parte delle autorità afghane, mentre cercano di imporre il divieto alle proteste pacifiche. In diverse grandi città, le forze di sicurezza hanno disperso le proteste pacifiche picchiando e sparando a manifestanti disarmati.

Poche settimane dopo la presa del potere dei talebani, Amesty ha appreso di casi di afgani non pashtun sfrattati con la forza dalle loro case e dalla loro terra in modo che i talebani potessero ricompensare i loro sostenitori con terre sequestrate ad altri gruppi etnici come hazara, turkmeni e uzbeki.

L'organizzazione umanitaria è a conoscenza di segnalazioni di sfratti in tutto il Paese e, nel giugno 2022, l'Onu ha stimato che il numero degli sfollati afgani fosse salito a oltre 820 mila. Infine, la segnalazione dell'uccisione di 13 persone di etnia hazara, tra cui una ragazza di 17 anni, nella provincia di Daikundi, ad agosto 2021.