Non è partito il primo volo britannico per rimpatriare i migranti dal Ruanda

Non è partito il primo volo britannico per rimpatriare i migranti dal Ruanda

Il volo avrebbe dovuto trasportare 7 immigrati ma è stato fermato poco prima del decollo grazie a una sospensiva accordata dalla Corte europea dei Diritti Umani

volo britannico migranti Ruanda sospeso Londra non si scoraggia

© JUSTIN TALLIS / AFP

 
- L'aereo che avrebbe dovuto riportare i migranti in Ruanda

AGI - Il governo britannico non ha intenzione di farsi scoraggiare dopo la cancellazione del primo volo che avrebbe dovuto trasferire in Ruanda i migranti arrivati illegalmente nel Regno Unito. Lo ha affermato il ministro dell'Interno, Priti Patel, sottolineando che Londra va avanti "impeterrita" sul proprio piano, duramente condannato dalle organizzazioni per i diritti umani.

Il volo avrebbe dovuto trasportare 7 immigrati ma è stato fermato poco prima del decollo grazie a una sospensiva accordata dalla Corte europea dei Diritti Umani di fronte a ricorsi dell'ultimo minuto. La decisione è un duro colpo per Boris Johnson e il suo segretario agli Interni, Priti Patel, che avevano sperato di scoraggiare i richiedenti asilo dall'attraversare la Manica garantendo di inviare migliaia di migranti irregolari in Ruanda nell'ambito del piano concordato fra il governo britannico e quello dello stato africano.