Casa Bianca: "Sosterremo l'adesione di Finlandia e Svezia alla Nato"

Casa Bianca: "Sosterremo l'adesione di Finlandia e Svezia alla Nato"

La Russia minaccia di tagliare il gas. Stoltenberg: "Adesione rapida". Draghi: "La pace è quella che vorranno gli ucraini"

ucraina russia guerra la diretta

© EVELYN HOCKSTEIN / POOL / AFP 
-

AGI -  In una giornata, la 78/ma dall'inizio della guerra, senza grandi avanzamenti militari sul terreno, i ministri degli Esteri del G7 si incontrano in Germania per affrontare le prospettive di una crisi alimentare globale e proteggere i Paesi poveri dalle conseguenze del conflitto, che blocca le esportazioni di materie prime alimentari da quello che fino al 24 febbraio scorso era considerato il "granaio del mondo".

Intanto, la Finlandia ha ufficializzato la sua candidatura all'adesione alla Nato, e l'Onu ha preannunciato un'inchiesta sui "crimini di guerra" commessi nelle scorse settimane. Ecco, a partire dalle piu' recenti, tutte le notizie pubblicate oggi dall'Agi sul conflitto.

ucraina russia guerra la diretta

 Le sanzioni contro la Russia non porteranno la pace in Ucraina, porteranno solo a una crisi energetica, alimentare e finanziaria nel mondo. Lo ha affermato il vice rappresentante cinese alle Nazioni Unite, Dai Bing, in una riunione del Consiglio di sicurezza. "I bambini di tutto il mondo subiranno le conseguenze delle sanzioni", ha aggiunto.

  • 23:10

    Kiev: colpita nel Mar Nero una nave russa di supporto logistico

    La nave russa per il supporto logistico Vsevolod Bobrov e' stata colpita dalla marina ucraina nel Mar Nero, vicino all'Isola dei serpenti che si trova vicino al confine con le acque territoriali della Romania. Lo ha annunciato sui social network il portavoce dell'amministrazione militare regionale di Odessa Serhiy Bratchuk.

  • 22:57

    S.Sede: difficile per la Chiesa russa prendere posizione

    "Dobbiamo riconoscere che nella nell'ortodossia, nella grande maggioranza delle Chiese, c'e' una forte identita' nazionale, e' Chiesa di Stato, per questo e' molto difficile per la chiesa ortodossa russa prendere posizioni critiche o diverse da quella del governo". Cosi' monsignor Paul Richard Gallagher, segretario vaticano per i Rapporti con gli Stati, al Tg2 Post. "Il Papa - ha continuato il "ministro degli Esteri" vaticano chiede di superare anche queste condizioni per svolgere il ruolo di autentici pastori del popolo di Dio e promuovere la pace".

  • 21:44

    Kiev: continua l'attacco russo, un video mostra la battaglia

    Le forze armate russe continuano a colpire con l'artiglieria e i bombardamenti aerei l'acciaieria Azovstal, a Mariupol. Lo ha confermato, nel suo ultimo bollettino, il ministero della Difesa ucraina mentre un reporter del Kyiv Independent, Illia Ponomarenko, ha postato sul suo profilo Twitter quello che ha definito un video storico sulla battaglia dell'Azovstal.

     

     

    In meno di due minuti, in un buio scenario di devastazione si assiste dapprima a un drammatico pianosequenza costellato di esplosioni e rovine, e poi a una visione dall'alto dell'impianto devastato da settimane di combattimenti. Secondo le ultime informazioni, non ci sono più civili rifugiati nei sotterranei, mentre sono centinaia i soldati del battaglione Azov, fra cui molti feriti anche gravi, che resistono agli attacchi. 

  • 20:22

    Vice procuratore di Kharkiv, registrati 1.000 crimini e 29 omicidi

    "A oggi abbiamo registrato circa mille crimini commessi dai militari russi nella nostra regione. Fra questi ci sono omicidi e stupri. Lo ha detto al canale francese Bfm Tv il vice procuratore di Kharkiv, Andrei Kravchenko. Gli omicidi, ha precisato, "sono 29".

  • 19:57

    Mattarella sente Macron, sostegno a Ucraina e alla Ue più forte

    Una telefonata per complimentarsi per la rielezione e per confermare e rafforzare i rapporti personali che sono andati avanti anche nei momenti difficili. Sergio Mattarella ha telefonato oggi pomeriggio ad Emmanuel Macron dopo la sua conferma all'Eliseo ed ha voluto sottolineare il legame di amicizia tra Italia e Francia.

    I due presidenti hanno registrato una forte convergenza sull'azione della Ue e della Nato "a sostegno degli amici ucraini" e la necessità di concordare iniziative europee per l'emergenza energetica e alimentare. Mattarella e Macron hanno anche condiviso la necessità di rafforzare le iniziative europee per il processo di allargamento dell'Unione europea ai paesi dei Balcani che hanno fatto richiesta di adesione.

    Macron ha ribadito a Mattarella la sua idea di una comunità politica europea, e il Presidente ha registrato la linea francese senza entrare nel merito, sia perché del tema si è solamente accennato nella telefonata, sia perché si tratta di un dossier che riguarda l'attività di governo e richiede un voto parlamentare. Quanto alla revisione dei trattati Ue, l'Italia si è già detta favorevole ma a bruxelles si sconta il no di ben 13 Paesi membri dell'Unione.

    Infine Mattarella e macron hanno ricordato la firma del Trattato del Quirinale, altro tema la cui implementazione è tutta in capo all'esecutivo che ne declina l'attuazione. 

  • 19:48

    G7 in Germania: tra i temi il sostegno all'Ucraina e la crisi alimentare globale

    I ministri degli Esteri dei Paesi del G7 sono in Germania per affrontare un'incombente crisi alimentare globale nel tentativo di trovare soluzioni per proteggere i Paesi più poveri del mondo.

    "Noi, come le più forti democrazie industrializzate, abbiamo una responsabilità speciale" nell'aiutare le nazioni più povere a superare le carenze alimentari ed energetiche causate dalla guerra, ha affermato la ministra degli Esteri tedesca, Annalena Baerbock accogliendo i colleghi a Wangels, nella Germania settentrionale.

    I ministri discuteranno anche di "come continuare a sostenere l'Ucraina", ha aggiunto Baerbock. "Non si tratta solo di grano, ma anche di approvvigionamento energetico in tutto il mondo", ha aggiunto.

    Prima della guerra, era il granaio del mondo, esportava 4,5 milioni di tonnellate di prodotti agricoli al mese attraverso i suoi porti: il 12% del grano del pianeta, il 15% del suo mais e metà del suo olio di girasole. Ma con i porti di Odessa, Chornomorsk e altri tagliati fuori dal mondo dalle navi da guerra russe, il rifornimento puo' viaggiare solo su rotte terrestri congestionate che sono dolorosamente inefficienti.
     

  • 18:17

    Cina all'Onu, le sanzioni alla Russia non porteranno la pace

    Le sanzioni contro la Russia non porteranno la pace in Ucraina, porteranno solo a una crisi energetica, alimentare e finanziaria nel mondo. Lo ha affermato il vice rappresentante cinese alle Nazioni Unite, Dai Bing, in una riunione del Consiglio di sicurezza. "I bambini di tutto il mondo subiranno le conseguenze delle sanzioni", ha aggiunto.

  • 18:01

    L'Onu apre l'indagine sulle atrocità attribuite ai russi, la Cina vota no

    La Cina è favorevole all'istituzione di corridoi umanitari a Mariupol, in Ucraina, per salvare "donne e bambini" e ha condannato il bombardamento di una scuola, avvenuto il 7 maggio nella parte Est del Paese. Lo ha detto il rappresentante di Pechino alle Nazioni unite, durante il suo intervento al Consiglio di Sicurezza. "L'attacco a una scuola il 7 maggio è deplorevole - ha detto l'ambasciatore cinese, senza nominare la Russia - una scuola non deve essere usata come fine di un'operazione militare. Le circostanze e le cause vanno indagate".
    La scuola era stata usata come rifugio per quasi cento persone. Secondo Kiev un attacco aereo russo ad una scuola a Bilohorivka, nella regione di Lugansk, causò almeno sessanta morti. 

  • 17:23

    Kiev, negoziati difficili per evacuare i 30 feriti da Azvostal

    Sono in corso "negoziati molto difficili" sull'evacuazione dei combattenti gravemente feriti dall'acciaieria Azovstal a Mariupol tramite uno scambio di prigionieri di guerra russi. Lo ha detto la vice premier ucraina, Iryna Vereshchuk, citata dalla Cnn.
    "Per essere chiari: al momento stiamo negoziando solo per circa una trentina di combattenti gravemente feriti. Lavoriamo passo dopo passo. Ne scambieremo 38, poi andremo avanti. Al momento non ci sono colloqui su uno scambio che coinvolga 500 o 600 persone, come è stato riportato da alcuni media", precisato.

  • 17:10

    Zelensky, grati a Papa Francesco ma no bandiere Ucraina-Russia

    Siamo molto grati a Papa Francesco e abbiamo fiducia in lui, ma non possiamo accettare quell'immagine di due persone che camminano una accanto all'altra tenendo le bandiere della Russia e dell'Ucraina, perche' per noi la bandiera russa è sinonimo di occupazione, è la bandiera sotto la quale ci stanno uccidendo". Lo ha detto il premier ucraino, Volodymyr Zelensky, in una intervista a Porta a Porta che andrà in onda questa sera, non precisando a quale evento si riferisse (all'ultima via Crucis al Colosseo, invece, una donna ucraina e un'altra russa hanno portato insieme la croce).

  • 16:54

    Zelensky, Draghi ha ragione, Ucraina puo' vincere

    "Non siamo in condizioni di parità, la Russia è più forte, ma il mondo e' unito intorno a noi e sentiamo che passo dopo passo stiamo riuscendo. Quindi Draghi ha ragione, noi possiamo vincere perche' stiamo combattendo per la verità e non siamo da soli". Lo ha detto il premier ucraino, Volodymyr Zelensky, in una intervista a Porta a Porta che andrà in onda questa sera su raiuno.

  • 16:48

    Zelensky, per noi Crimea mai russa ma ora mettiamola da parte

     "Non riconosceremo mai la Crimea come parte della Federazione Russa ma adesso, con la guerra in corso, questa questione dolente va lasciata da parte se ostacola l'incontro tra i due presidenti". Così il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, in una intervista a Porta a Porta che andra' in onda questa sera su Raiuno.

  • 16:30

    Zelensky: non possiamo perdere dopo decine migliaia morti

    "Non abbiamo alcun diritto di perdere la guerra dopo le decine di migliaia di morti che abbiamo avuto". Lo ha detto il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, in una intervista a Porta a Porta che andrà in onda questa sera su Raiuno.

  • 16:19

    Stoltenberg sente Baerbock per preparare la riunione della Nato

    "Ho parlato con la ministra degli Esteri, Annalena Baerbock, per preparare la nostra riunione ministeriale della Nato a Berlino. Ho ringraziato la Germania per ospitare questa tempestiva riunione in cui i ministri discuteranno il nostro prossimo concetto strategico, il continuo sostegno all'Ucraina e le relazioni con Finlandia e Svezia". Lo ha dichiarato in un tweet il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg.

  • 16:17

    Zelensky: pronti a fare scambio per salvare i soldati da Azovstal

    "Siamo pronti a fare uno scambio con i russi per salvare i vivi e portare fuori i nostri morti" da Azovstal. Lo ha detto il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, in una intervista a Porta a Porta che andrà in onda questa sera su Raiuno. "I civili sono già stati evacuati, ora restano i feriti, non vogliamo lasciarli lì. Dobbiamo lottare per portarli fuori e anche per portare fuori chi è morto. Stiamo facendo tutto il possibile, abbiamo dato le informazioni ai russi, la Svizzera e la Turchia sono impegnate in questa vicenda e ho parlato anche con il presidente della Finlandia, che parlerà con Putin. Si farà tutto il possibile per salvare i nostri militari", ha aggiunto Zelensky.

  • 16:00

    Zelensky: non salviamo la faccia a Putin, no a una via uscita per la Russia

    "Non dobbiamo cercare una via di uscita per la Russia, noi non siamo pronti a salvare la faccia a qualcuno pagando con i nostri territori. E' tempo perso". Così il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, in una intervista a Porta a Porta che andrà in onda questa sera su Raiuno.

  • 15:59

    Scholz: pieno sostegno alla candidatura della Finlandia nella Nato

    Il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, ha assicurato "pieno sostegno" della Germania all'ingresso della Finlandia nella Nato, dopo che il presidente e il primo ministro del Paese scandinavo hanno dichiarato di essere a favore dell'adesione all'Alleanza datlantica senza indugio. "Accolgo con favore la decisione della Finlandia di esprimersi a favore dell'adesione immediata del Paese alla Nato. In una telefonata con il presidente finlandese, Sauli Niinisto, ho assicurato alla Finlandia il pieno sostegno del governo tedesco", ha scritto Scholz in un tweet.

  • 15:11

    Johnson: normalizzazione con Putin impossibile ora

    "Per quanto mi sforzi non vedo come possiamo tornare ad avere relazioni normali con Putin adesso": lo ha detto il premier britannico, Boris Johnson, in una intervista a Lbc radio. "Il mondo ha praticamente detto che quanto sta accadendo è spaventoso. Lo condanniamo, lo denunciamo. E lo abbiamo fatto. E abbiamo introdotto le sanzioni. Ma allo stesso tempo abbiamo anche aperto negoziati con lui su una via da seguire", ha osservato il premier. Ma il leader russo "ha di fatto utilizzato questo per girare il coltello dentro l'Ucraina. Se gli ucraini dovessero fare un qualsiasi tipo di accordo con Putin ora, il rischio è che farebbe esattamente la stessa cosa e loro lo sanno. Quindi la risposta breve è no. Nessuna rinormalizzazione e il Regno Unito è molto chiaro su questo", ha concluso Johnson.

  • 14:19

    Von der Leyen: l'Ucraina è il granaio del mondo; piano Ue contro i blocchi

    "L'Ucraina è il granaio del mondo. Ostacolando le esportazioni vitali, la guerra del Cremlino minaccia la sicurezza alimentare in tutto il mondo. Oggi agiamo per facilitare il trasporto di cereali dall'Ucraina e affrontare le strozzature urgenti. Presto ci collegheremo meglio l'Ucraina e l'Ue con lo Strumento europeo di collegamento". Lo ha annunciato in un tweet la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, presentato il piano Ue per sbloccare il grano attualmente bloccato in Ucraina. 

  • 13:48

    Putin: Occidente sacrifica resto mondo a suo dominio globale

    L'Occidente sta sacrificando il resto del mondo per mantenere il suo dominio globale. Lo ha dichiarato Vladimir Putin a proposito del rischio di carestia in alcuni Paesi per il mancato arrivo di derrate di cereali dall'Ucraina e dalla Russia, che il presidente russo, durante una riunione con i responsabili economici, ha collegato alle sanzioni imposte a Mosca. Putin ha affermato che "la colpa di questo è interamente delle elite dei paesi occidentali, che sono pronte a sacrificare il resto del mondo per mantenere il loro dominio globale".

  • 13:37

    Putin: le sanzioni occidentali colpiscono chi le impone

    Le sanzioni occidentali contro la Russia colpiscono le economie di quei Paesi che le impongono e stanno provocando una crisi globale. Lo ha dichiarato il presidente russo, Vladimir Putin, durante un vertice con i responsabili economici, secondo quanto riporta Tass. "Queste sanzioni stanno in gran parte provocando una crisi globale", ha affermato Putin, "i loro autori, guidati da ambizioni politiche miopi e gonfi di russofobia, hanno colpito in misura maggiore i loro stessi interessi naziona. In primo luogo, ha sottolineato il capo dello Stato russo, lo si vede dal forte aumento dell'inflazione in Europa "che in alcuni paesi si è già avvicinata al 20% annuo, laddove nell'intera zona euro i prezzi delle materie prime sono aumentati di oltre l'11%". “Ovviamente, per leggi economiche oggettive, il proseguimento dell'ossessione per le sanzioni, se così si può dire, porterà inevitabilmente alle conseguenze più complesse e irreversibili per l'Unione Europea, per i suoi cittadini, così come per gli Stati più poveri che già affrontano i rischi della carestia”, ha aggiunto Putin.
    Putin ha richiamato l'attenzione sul fatto che negli ultimi due mesi le autorità russe hanno tenuto una serie di incontri sulla situazione economica. "Insieme ai membri del governo, ai capi dei soggetti della Federazione, ai vertici della Banca Centrale, ai rappresentanti delle imprese, stiamo attuando un piano coerente per garantire lo sviluppo sostenibile dell'economia", ha affermato il presidente.

  • 13:31

    A Mariupol prosegue l'attacco russo ad Azovstal

    Le forze russe e i separatisti loro alleati stanno continuando ad attaccare l'area dell'acciaieria di Azovstal, dove sono trincerati gli ultimi difensori di Mariupol, nel tentativo di prenderne possesso. Lo ha dichiarato il leader dell'autoproclamata repubblica popolare del Donetsk, Denis Pushilin, che ha respinto la richiesta dei militari ucraini presenti nella struttura di essere estratti da personale di un Paese terzo.

  • 13:16

    Ue ribadisce: il pagamento di gas in rubli viola le sanzioni

    "La Banca centrale russa è soggetta a sanzioni dell'Ue e la nostra assolutamente posizione è che usare questo metodo di pagamento del gas in rubli sarebbe una violazione di queste sanzioni. La presidente della Commissione lo ha detto chiaramente e la commissaria Simson lo ha detto chiaramente". Lo ha dichiarato il portavoce della Commissione europea, Tim McPhie. "Continueremo a dialogare con gli Stati membri per spiegare la situazione e le linee guida", ha aggiunto.

  • 13:12

    Mosca: ritorsioni se la Finlandia entra nella Nato

    Mosca ha avvertito che sarà "costretta ad adottare misure di ritorsione" se Helsinki entrerà nell'Alleanza atlantica. "L'adesione della Finlandia alla Nato rappresenta un cambiamento radicale nella politica estera del Paese. La Russia sarà costretta ad adottare misure di ritorsione, sia di tipo tecnico-militare che di altra natura, al fine di fermare l'insorgere di minacce alla sua sicurezza nazionale", si legge in una nota del ministero degli Esteri.

  • 12:14

    Stoltenberg: l'adesione della Finlandia alla Nato sarà fluida e rapida

    Il segretario generale della Nato, il norvegese Jens Stoltenberg, ha promesso alla Finlandia una procedura di adesione veloce e senza intoppi. "È una decisione sovrana della Finlandia", ha dichiarato Stoltenberg in una nota, "se la Finlandia decidesse di candidarsi, sarebbe accolta calorosamente nella Nato e il processo di adesione sarebbe fluido e rapido".

  • 12:12

    La Romania sostiene Helsinki nella Nato, insieme più forti

    Il presidente della Romania, Klaus Iohannis, ha "accolto con favore la dichiarazione congiunta del presidente finlandese Sauli Niinisto e del primo ministro Marin Sanna sull'adesione della Finlandia alla Nato". In un tweet, il capo di Stato ha ricordato che "la Romania è un forte promotore della politica della 'porta aperta' della Nato ed è pronta a sostenere la Finlandia nel processo di adesione all'Alleanza atlantica. Insieme siamo più forti!".

  • 12:05

    Medvedev: con l'aiuto della Nato a Kiev rischio di guerra nucleare

    "Il pompaggio di armi all'Ucraina da parte dei Paesi della Nato, l'addestramento delle sue truppe all'uso degli equipaggiamenti occidentali, l'invio di mercenari e lo svolgimento di esercitazioni da parte dei paesi dell'Alleanza vicino ai nostri confini aumentano la probabilità di un conflitto diretto e aperto tra Nato e Russia invece della loro 'guerra per procura'. Un tale conflitto rischia sempre di trasformarsi in una vera e propria guerra nucleare". Lo ha scritto su Telegram l'ex presidente russo, Dmitry Medvedev.

     

  • 12:03

    Il Cremlino: l'ingresso della Finlandia nella Nato è una minaccia per la Russia

    L'ingresso della Finlandia nella Nato sarà "sicuramente" una minaccia per la Russia. Questo il commento del Cremlino, alla luce delle dichiarazioni di Helsinki sulla volontà di aderire all'Alleanza atlantica, con la decisione ufficiale attesa per domenica.

  • 11:36

    Il Viminale: sono oltre 113 mila i profughi accolti in Italia

    Sono 113.239 le persone in fuga dal conflitto in Ucraina giunte fino a oggi in Italia, 107.722 delle quali alla frontiera e 5.517 controllate dal compartimento Polizia ferroviaria del Friuli Venezia Giulia. Lo rende noto il Viminale precisando che si tratta di 58.964 donne, 15.527 uomini e 38.748 minori. Le principali città di destinazione dichiarate all'ingresso in Italia continuano ad essere Milano, Roma, Napoli e Bologna. L'incremento, rispetto a ieri, è di 513 ingressi nel territorio nazionale.

  • 11:08

    Michel: il passo della Finlandia forte deterrenza contro Russia

    "L'unità e la solidarietà della Nato e dell'Ue non sono mai state così vicine. Sauli Niinisto e Sanna Marin che aprono la strada all'adesione della Finlandia alla Nato è un passo storico, una volta compiuto, che contribuirà notevolmente alla sicurezza europea. Con la Russia che fa la guerra all'Ucraina è un potente segnale di deterrenza". Lo scrive in un tweet il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel.

  • 11:05

    Niinisto aggiorna Zelensky su passi per l'adesione finlandese alla Nato

    "Ho parlato con il presidente Volodymyr Zelensky e ho ribadito il fermo sostegno della Finlandia all'Ucraina. L'ho informato dei nostri passi verso l'adesione della Nato e lui ha espresso il suo pieno supporto su questo". Così il presidente finlandese, Sauli Niinisto, su Twitter dopo che in una nota congiunta con la premier Sanna Marin si è detto a favore di una adesione "senza indugio" alla Nato del Paese nordico. La decisione di Helsinki verra' comunicata domenica, in seguito al previsto dibattito parlamentare.

  • 11:03

    Gazprom: transito gas via Ucraina sceso di quasi un terzo

    Il transito di gas russo verso l'Europa attraverso l'Ucraina è diminuito di quasi un terzo rispetto al giorno precedente: lo ha reso noto il gigante russo del gas Gazprom, con le forniture colpite per il secondo giorno consecutivo dal conflitto. Dalla stazione di Soudja sono previsti volumi di circa 50,6 milioni di metri cubi, rispetto ai 72 milioni del giorno precedente, secondo Gazprom. Da due giorni l'Ucraina afferma di non poter far transitare il gas attraverso le strutture della stazione nei pressi di Sokhranivka, nella regione di Lugansk, a causa della presenza delle forze armate russe, provocando un calo delle forniture mentre Mosca dice di non poter aumentare i volumi su un altro gasdotto.

  • 11:02

    Kiev: 3 morti e 12 feriti in attacco russo a nord-est

    È di tre morti e 12 feriti il bilancio di un attacco delle forze russe nel nord-est dell'Ucraina. Lo hanno riferiti i servizi di soccorso.

  • 10:04

    Finlandia: il 70% della popolazione vuole l'adesione alla Nato

    "Negli ultimi mesi il sostegno pubblico per l’adesione alla Nato è aumentato in Finlandia. Siamo arrivati a un 70%. Un forte sostegno è stato espresso nei sondaggi a cui sono seguite riflessioni approfondite da parte dei partiti politici finlandesi. Quasi tutti i partiti hanno ora organizzato negli ultimi mesi una convenzione dedicata all’adesione alla Nato". Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri finlandese, Pekka Haavisto, in audizione alla commissione Affari Esteri del Parlamento europeo. 

  • 10:03

    Il ministro degli Esteri finlandese: la nostra adesione rafforzerebbe la Nato

    "La nostra adesione rafforzerebbe la stabilità della regione del Mar Baltico, del Nord dell’Europa e rafforzerebbe anche la Nato se la Finlandia diventasse un futuro alleato. La Finlandia ha credenziali solide, democratiche che rispettano i criteri di adesione della Nato e ha una forte e credibile difesa nazionale interoperabile con quella della Nato". Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri finlandese, Pekka Haavisto, in audizione alla commissione Affari Esteri del Parlamento europeo. "Siamo convinti che la Finlandia porterà un valore aggiunto alla Nato. Abbiamo 280 mila soldati operativi, abbiamo una riserva di 900 mila soldati. Abbiamo una flotta che siamo pronti a sostituire con sei F35 ordinati di recente", ha aggiunto.

  • 10:02

    Mosca: sventati attentati esplosivi a Kursk

    L'Fsb, il servizio di sicurezza federale russo, ha comunicato che un residente della regione di Kursk è stato arrestato per aver pianificato attentati esplosivi nel capoluogo allo scopo di "destabilizzare il lavoro delle autorità e spingerle così a fermare l'operazione militare speciale" in Ucraina. L'uomo è accusato di aver organizzato attacchi alle infrastrutture della città "in collaborazione con i servizi di sicurezza ucraini". "Il detenuto si è dichiarato colpevole e ha detto che stava progettando di partire per l'Ucraina dopo aver perpetrato il crimine", ha affermato l'Fsb.

  • 10:01

    Helsinki per adesione senza indugio, decisione domenica

    Il presidente e la premier della Finlandia, Sauli Niinisto e Sanna Marin, in una nota congiunta si sono espressi a favore di una adesione "senza indugio" alla Nato del Paese Nordico. La decisione di Helsinki, aggiunge la nota, verrà comunicata domenica, in seguito al previsto dibattito parlamentare. 
        "Essere membro della Nato rafforzerebbe la sicurezza della Finlandia. In quanto membro della Nato, la Finlandia rafforzerebbe l'alleanza nel suo insieme", affermano Niinisto e Marin, "la Finlandia deve presentare domanda per l'adesione alla Nato senza indugio".

  • 10:00

    Kuleba chiede un 'posto riservato' nell'Ue

    L'Ucraina vuole un "posto riservato" nell'Unione Europea anche se la procedura di accesso, come hanno avvertito di recente Francia e Germania, potrebbe richiedere molto tempo. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, all'emittente pubblica tedesca Ard. "Quello che è importantissimo per noi non è la procedura di accesso più veloce possibile ma che questo posto sia riservato per l'Ucraina", ha spiegato Kuleba.

  • 09:58

    Kiev: bombardamenti su regione Dnipropetrovsk, un morto

    Bombardamenti russi sull'insediamento di Zelenodolsk, nella regione di Dnipropetrovsk, hanno causato un morto e un ferito. Lo ha annunciato il governatore Valentyn Reznichenko, secondo il quale l'attacco ha distrutto un'infrastruttura energetica.

  • 08:30

    L'Onu: l'invasione russa finora ha causato la morte di 3.496 civili, 3.760 i feriti

    L'invasione russa ha finora causato la morte di 3.496 civili ucraini e il ferimento di altri 3.760. Lo riferisce l'Alto Commissariato Onu per i Diritti Umani, avvertendo che il bilancio reale dovrebbe essere molto più grave. 

  • 08:11

    L'intelligence britannica: pesanti perdite russe a Kharkiv

    "Nonostante il successo russo nell'accerchiamento di Kharkiv nelle prime fasi del conflitto, risulta che Mosca abbia ritirato unità dalla regione per riorganizzare e rimpolpare le proprie forze a seguito di pesanti perdite". È quanto si legge nell'ultimo aggiornamento dell'intelligence britannica. "Una volta ricostituite, queste forze si schiereranno probabilmente sulla riva orientale del fiume Siverskyi Donets, formando una forza di blocco per proteggere il fianco sinistro della principale concentrazione di forze russe e le principali linee di rifornimento per le operazioni nei pressi di Izyum", si legge ancora nell'aggiornamento.

  • 07:14

    Kiev fa saltare i ponti a Lugansk per frenare i russi

    L'esercito ucraino ha fatto saltare con esplosivi due ponti sul fiume Siversky Donets per frenare l'avanzata delle forze russe nel Lugansk. Lo riferisce il ministero della Difesa, che ha pubblicato alcune immagini satellitari che mostrano la distruzione dei ponti, nei pressi del villaggio di Bilohorivka.

  • 05:21

    von der Leyen: la Russia è una minaccia all'ordine mondiale

    La Russia è la "minaccia più diretta" all'ordine internazionale a causa della sua invasione dell'Ucraina. Lo ha dichiarato a Tokyo la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. "Questo mi porta alla Russia. Oggi è la minaccia piu' diretta all'ordine mondiale con la barbara guerra contro l'Ucraina e il preoccupante patto con la Cina", ha detto dopo aver incontrato il primo ministro giapponese Fumio Kishida e il presidente del Consiglio europeo Charles Michel.

  • 02:29

    Zelensky: c'è chi è morto difendendo l'Ucraina e l'Ue

    Siamo un popolo di grandi difensori" che difendendo l'Ucraina, "difendono anche l'Europa". Lo ha detto il presidente ucraino, Vladimir Zelensky, intervenuto per videomessaggio alla cerimonia di consegna del premio all'Atlantic Council. Zelensky ha sottolineato che dietro al "coraggio" del popolo ucraino, "ci sono migliaia di storie vere". E in nome di queste, ha aggiunto, "ringraziamo per il sostegno e welcome to Ukraine".

  • 02:01

    Draghi: occorre un piano Marshall per la ricostruzione dell'Ucraina

    Occorre un piano Marshall per la ricostruzione dell'Ucraina. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Mario Draghi, in occasione della premiazione all'Atlantic Council per la leadership politica, aggiungendo che l'Ucraina è un Paese nostro amico e "resterà nostro amico". 

  • 01:06

    Nato: la Casa Bianca sosterrà le candidature di Finlandia e Svezia

    La Casa Bianca appoggia le candidature di Finlandia e Svezia per l'ingresso nell'Alleanza atlantica. Lo ha detto, nel giorno in cui Helsinki ha formalizzato la sua richiesta, la portavoce della presidenza Usa, Jen Psaki. "Appoggeremmo le richieste di adesione alla Nato da parte di Finlandia e Svezia se arriveranno. Rispetteremo le decisioni che prenderanno", ha dichiarato.

  • 00:45

    Casa Bianca: "La Nato è un alleanza difensiva, non offensiva"

    La Nato e' un'alleanza "difensiva e non offensiva". Lo ha detto la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki, replicando all'ipotesi di una reazione da parte di Mosca alla notizia che Finlandia e Svezia hanno intenzione di candidarsi all'ingresso nella Nato, una decisione considerata minacciosa per la Russia. Nell'espansione dell'Alleanza atlantica, ha spiegato, non deve essere vista "nessuna intenzione aggressiva". 

  • 00:25

    Zelensky: 40 miliardi dagli Usa a sostegno della democrazia globale

    "La Camera dei Rappresentanti del Congresso degli Stati Uniti ha votato un nuovo e significativo pacchetto di sostegno al nostro Stato e alla democrazia globale. Quasi 40 miliardi di dollari. Una seconda votazione si terrà presto al Senato degli Stati Uniti. La decisione sarà poi firmata dal presidente Biden ed entrerà in vigore. Sono grato al popolo americano e a tutti i nostri amici del Congresso e dell'Amministrazione per il loro sostegno". Lo ha scritto su Telegram il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky.