I Paesi europei stanno rifornendo di gas Polonia e Bulgaria

I Paesi europei stanno rifornendo di gas Polonia e Bulgaria

Von der Leyen assicura che l'Unione europea non si è fatta trovare impreparata e che è già al lavoro sul sesto pacchetto di sanzioni

Paesi europei stanno rifornendo gas Polonia Bulgaria

© OLIVIER HOSLET / POOL / AFP
 
- Ursula von der Leyen

AGI - La mossa di Gazprom contro Polonia e Bulgaria non ha sorpreso Bruxelles e la presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, assicura che l'Unione non si è fatta trovare impreparata

"Non è una sorpresa che il Cremlino usi i combustibili fossili per tentare di ricattarci. È qualcosa per cui la Commissione europea si preparava, anche con un coordinamento e solidarietà con gli Stati membri e partner internazionali. La nostra risposta sarà immediata, unità e coordinata". Lo ha dichiarato la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, in un punto stampa.

"La Commissione intensificherà il suo lavoro con i gruppi regionali di Stati membri che possono darsi l'un l'altro immediata solidarietà se è necessario e questo mitigherà ogni impatto della possibile interruzione di gas" ha aggiunto "continueremo il nostro lavoro per garantire forniture e depositi sufficienti di gas nel medio termine. Il nostro piano RePowerEu aiuterà a ridurre significativamente la nostra dipendenza dai fossili russi già quest'anno. E come sapete abbiamo raggiunto un accordo con gli Usa per forniture aggiuntive di Gnl quest'anno e il prossimo. E lavoriamo mano nella mano con i nostri Paesi membri per assicurarci forniture di gas da altri partners",

Non si può pagare il gas in rubli

"Pagare il gas russo in rubli se non è previsto nei contratti ed è una violazione. Ora la Polonia e la Bulgaria stanno ricevendo gas dagli Stati vicini dell'Ue. Faremo in modo che la decisione di Gazprom abbia il minor impatto possibile sui consumatori europei. Gli Stati membri si sono incontrati in seno al gruppo di coordinamento del gas. Polonia e Bulgaria ci hanno aggiornato sulla situazione. Questo mostra prima di tutto l'immensa solidarietà tra noi, ma mostra anche l'efficacia degli investimenti passati, ad esempio negli interconnettori e in altre infrastrutture del gas. La Commissione intensificherà inoltre il suo lavoro con i cosiddetti gruppi regionali degli Stati membri, che possono fornire reciprocamente la solidarietà più immediata. Ciò mitigherà qualsiasi impatto su possibili interruzioni del gas", ha aggiunto.

"Il sesto pacchetto delle sanzioni arriverà a tempo debito. Ci stiamo lavorando intensamente" ha dichiarato la presidente della Commissione europea "La mossa che ha fatto la Russia è sostanzialmente una mossa con cui danneggia se stessa. Il Cremlino sta danneggiando l'economia russa perché si sta tagliando da importanti entrate", ha aggiunto. "Non di meno stiamo lavorando sodo non solo per abbandonare il carbone, come abbiamo già fatto, ma anche il petrolio", ha evidenziato. "E da mesi stiamo lavorando per ridurre la nostra dipendenza di gas dalla Russia e lo abbiamo già fatto e i nostri piani sono di diventare indipendenti dalla Russia per sempre, prima di quello che avevamo pianificato"