Perché la Russia ha invaso l'Ucraina proprio in questo momento storico

Perché la Russia ha invaso l'Ucraina proprio in questo momento storico

Due ricercatori americani hanno scoperto che per oltre 200 anni gli stati revisionisti - come la Russia - hanno avanzato rivendicazioni territoriali quando le grandi potenze che dominano il sistema internazionale si sono trovate invischiate in crisi profonde

perche russia ha incaso ucraina in questo momento storico

Vladimir Putin

AGI – Il momento dell'attacco russo all'Ucraina non è stato una coincidenza, secondo David Carter , professore associato di scienze politiche alla Washington University di St. Louis, USA. In una recente analisi, pubblicata su “International Organization”, Carter e Scott F. Abramson, dell'Università di Rochester, USA, hanno scoperto che per oltre 200 anni gli stati revisionisti - come la Russia - hanno avanzato rivendicazioni territoriali quando le grandi potenze che dominano il sistema internazionale si sono trovate invischiate in crisi profonde.

"La nostra ricerca suggerisce che i tempi delle azioni aggressive della Russia in Ucraina sono in gran parte una risposta alle persistenti incertezze sull’impegno militare degli Stati Uniti in Europa e altrove", ha affermato Carter.

"Le fonti di instabilità in Europa e all'estero includono il disprezzo dell'amministrazione Trump per la NATO, il ritiro disordinato - e abbastanza unilaterale - dall'Afghanistan da parte dell'amministrazione Biden e il fatto che la gestione della pandemia di COVID-19 ha reclamato notevole attenzione e risorse negli Stati Uniti dal 2020".

Per i due studiosi, durante i periodi di stabilità, le grandi potenze dominanti - inclusa la Gran Bretagna per la maggior parte del 19° secolo e gli Stati Uniti dopo la seconda guerra mondiale - lavorano per prevenire l'inizio e l'escalation di eventi destabilizzanti come le controversie sui confini. Ma quando una grande potenza dominante e i suoi alleati sono coinvolti in gravi crisi, l’evitamento dei conflitti territoriali diventa di secondaria importanza.

Per studiare la tempistica di queste controversie, Carter e Abramson hanno prima identificato le cinque principali fonti di instabilità sistemica, che includono:

  1. Instabilità interna;
  2. Guerre;
  3. Grandi riorganizzazioni dell'ordine internazionale a seguito di conflitti;
  4. Scioglimento degli imperi;
  5. Conflitti per procura in cui grandi potenze sostengono paesi più piccoli contro altri paesi più piccoli sostenuti da potenze avversarie.

Successivamente, Carter e Abramson hanno creato un sistema di misurazione per ciascuna di queste fonti di instabilità. Con questi dati hanno scoperto che dal 1815 ad oggi oltre il 60 per cento delle rivendicazioni territoriali avanzate in Europa sono state presentate nei 10 anni con maggior livello di instabilità delle potenze egemoni.