Come funziona il missile balistico Kinzhal usato dai russi in Ucraina

Come funziona il missile balistico Kinzhal usato dai russi in Ucraina

Ha una gittata dichiarata di 1.500-2.000 chilometri con un carico utile nucleare o convenzionale di 480 chilogrammi. È lungo 8 metri ed è una delle sei armi di "prossima generazione" citate da Putin nel 2018

missile balistico kinzhal russia guerra ucraina

© Afp - Esercitazione con missile Kinzhal

AGI - Mosca ha annunciato di aver usato per la prima volta in Ucraina i Kinzhal, missili balistici ipersonici con capacità nucleare o convenzionale che viene lanciato da un Mig-31 modificato. È una delle sei armi di "prossima generazione" citate da Putin nel discorso del 1 marzo 2018.

Il Kinzhal ha una gittata dichiarata di 1.500-2.000 km con un carico utile nucleare o convenzionale di 480 kg. È lungo 8 metri, con un diametro di uno e un peso di lancio di circa 4.300 kg. Simile per dimensioni al missile balistico a corto raggio 9M723 Iskander, ha tuttavia caratteristiche distintive, tra cui una sezione di coda ridisegnata e timoni ridotti.

Dopo il lancio, il Kinzhal accelera rapidamente fino a Mach 4 e può raggiungere velocità fino a Mach 10 (12.350 km/h). Questa velocità, combinata con la traiettoria di volo irregolare del missile e l'elevata manovrabilità, può complicarne l'intercettazione.

Il missile è stato testato nel sud della Russia nel dicembre 2017 e nei filmati diffusi, la Difesa di Mosca li ha definiti un successo; entrato in servizio, alcuni sono stati modificati per trasportarlo. Probabile che sia stato sviluppato per colpire più facilmente infrastrutture cruciali europee e contrastare il Thaad americano, sistema di difesa per colpire missili balistici a medio e corto raggio.