Finanziare la resistenza degli ucraini prenotando case su Airbnb

Finanziare la resistenza degli ucraini prenotando case su Airbnb

Mercoledì e giovedì sono state pagate più di 61.000 notti in Ucraina da tutto il mondo con un incasso di quasi 2 milioni di dollari

Finanziare resistenza ucraini prenotando case Airbnb

© UKRINFORM / NurPhoto / NurPhoto via AFP

 
- Edifici distrutti alla periferia di Kiev

AGI - Ha già raggiunto quota due milioni di dollari la raccolta fondi partita quasi per caso su Airbnb. Il modo rapido ed efficace per far affluire denaro agli ucraini è prenotare soggiorni sulla piattaforma anche se non si ha alcuna intenzione di utilizzarli.

L'idea di Sarah Brown, di Salt Lake City, ha innescato una catena di solidarietà grazie ai social network e in poche opre sono state preniotate più di 61 mila notti. Dopo aver prenotato un soggiorno a Kiev, Brown ne ha prenotati altri due in città più piccole.

Ekaterina Martiusheva l'host del primo appartamento che Brown ha prenotato, ha voluto ringraziarla parlando con la radio pubblica statunitense NPR: "In questi giorni non abbiamo alcun reddito. Non abbiamo alcun diritto di chiedere al nostro Paese di aiutarci, perché tutte le risorse sono per la guerra e per la vittoria" ha detto.

 Gli host di Airbnb vengono pagati 24 ore dopo il check-in di un ospite, quindi le persone all'estero prenotano soggiorni e fanno sapere che è un gesto di solidarietà e non hanno intenzione di presentarsi.

Airbnb da parte sua, dopo aver sospeso le attività in Bielorussia e Russia, ha rinunciato a tutte le commissioni di host e guest in Ucraina. Mercoledì e giovedì sono state prenotate più di 61.000 notti in Ucraina da tutto il mondo, prenotazioni che hanno incassato quasi 2 milioni di dollari.

Ovviamente gli host di Airbnb potrebbero non essere i casi più bisognosi, ma c'è un modo per trovare chi ha probabilmente mezzi limitati, ad esempio cercando coloro che affittano una stanza condivisa o vivono in città più piccole.

Secondo Martiusheva le donazioni tramite le prenotazioni di Airbnb sono state preziose non solo da un punto di vista economico. "Non sono solo i soldi, è il supporto e l'incoraggiamento che riceviamo dalle persone ed è fantastico, semplicemente fantastico".

Insieme a suo marito da cui è separata, Martiusheva gestisce 30 appartamenti su Airbnb nel centro di Kiev per proprietari di immobili che vivono all'estero; la maggior parte dei proprietari non sono ucraini, ma capiscono che i soldi che arrivano ora sono intesi come donazioni per aiutare il popolo ucraino e non ne chiedono una quota.

Con i soldi arrivati ​​tramite Airbnb, Martiusheva è in grado di pagare le sei persone del suo staff di addetti alla manutenzione e alle pulizie. La maggior parte di loro è fuggita nell'Ucraina occidentale, dice, e il denaro li aiuta negli spostamenti.
Madre di due bambini piccoli, la donna dice di essere rimasta a Kiev perché i suoi genitori anziani hanno problemi di salute, ma anche per incoraggiare l'esercito ucraino. "È difficile proteggere una città vuota", dice. "Funzionano solo farmacie e supermercati", afferma. "Tutto il resto è fermato. Le persone sopravvivono solo con i loro risparmi, e basta".