Troppi dipendenti malati di covid, scaffali dei supermercati Usa vuoti

Troppi dipendenti malati di covid, scaffali dei supermercati Usa vuoti

Le recenti assenze dei lavoratori legate al virus si sono aggiunte alle continue interruzioni dei rifornimenti e dei trasporti, rendendo alcuni alimenti quasi introvabili

usa troppi dipendenti malati di covid scaffali supermercati vuoti

© CHANDAN KHANNA / AFP 
- Scaffali dei supermercati Usa vuoti 

AGI - La catena alimentare degli Stati Uniti è nuovamente sotto tensione, poiché dagli impianti di lavorazione ai negozi di alimentari, molti dipendenti sono stati contagiati da Omicron, e così gli scaffali dei supermercati vengono spesso lasciati vuoti.

Secondo un'inchiesta del Wall Street Journal, ad esempio, in Arizona, un lavoratore su 10 degli impianti di lavorazione e distribuzione di una grande azienda di prodotti ha contratto di recente il Covid.

In Massachusetts, le malattie dei dipendenti hanno rallentato il flusso di pesce verso supermercati e ristoranti. Una catena di alimentari nel sud-est degli Stati Uniti ha dovuto assumere lavoratori temporanei dopo che circa un terzo dei dipendenti dei suoi centri di distribuzione si era ammalato.

I dirigenti e gli analisti dell'industria alimentare avvertono che la situazione potrebbe persistere per settimane o mesi, anche se l'attuale ondata di Covid-19 sembra che si stia attenuando. Le recenti assenze dei lavoratori legate al virus si sono aggiunte alle continue interruzioni dei rifornimenti e dei trasporti, rendendo alcuni alimenti quasi introvabili. 

Quasi due anni fa, il primo lockdown aveva fatto registrare un'impennata negli acquisti di alimentare: gli americani avevano svuotato gli scaffali dei negozi di prodotti come carne e articoli di carta.

Ma ora le carenze di approvvigionamento stanno mostrando tutta la loro debolezza. La mancanza di lavoratori lascia una più ampia gamma di prodotti a corto di scorte con disponibilità che a volte cambiano di giorno in giorno.

Gli operatori dei supermercati e i produttori di cibo ribattono che le forniture complessive sono oltre la sufficienza, nonostante le continue carenze di manodopera e le difficoltà di trasporto delle merci. A loro giudizio, i clienti trovano sempre quello che cercano, anche se potrebbero dover optare per marche diverse.

Secondo i dati della società di ricerche di mercato IRI, i livelli di scorte di prodotti alimentari presso i rivenditori statunitensi hanno raggiunto l'86% per la settimana terminata il 16 gennaio. Si tratta di un livello inferiore alla scorsa estate e ai livelli pre-pandemia di oltre il 90%.

Bevande sportive, biscotti congelati e pasta fresca sono tra i prodotti più difficili da trovare, con livelli di scorte tra il 60% e il 70%. I dati IRI mostrano che i tassi di scorte sono più bassi in stati come l'Alaska e la West Virginia.

"Ci aspettavamo che i problemi di approvvigionamento si risolvessero ma Omicron ha complicato la situazione", ha detto Vivek Sankaran, amministratore delegato di Albertsons Cos.

Secondo gli analisti del settore, le tensioni che continuano negli impianti di confezionamento della carne e degli alimenti confezionati si tradurranno giocoforza in carenze per i consumatori.

Il Dipartimento dell'Agricoltura ha riferito che la macellazione del bestiame e la produzione di carne bovina nella settimana del 14 gennaio sono diminuite di circa il 5% rispetto a un anno prima, con una macellazione di maiali del 9%.

La lavorazione dei polli è stata inferiore di circa il 4% rispetto alla settimana terminata l'8 gennaio mentre la carenza di manodopera colpisce anche la lavorazione del latte e la produzione di formaggio.

Secondo un esperto di Rabobank, la situazione non è dietro l'angolo: poiché spesso ci vogliono settimane perché la carne raggiunga gli scaffali dei negozi dagli stabilimenti, le carenze di manodopera legate a Omicron presso i produttori potrebbero prolungare i problemi di approvvigionamento.

Anche i fornitori di verdure dell'ovest, che forniscono la maggior parte delle verdure a foglia dell'America durante l'inverno, devono affrontare sfide di produzione.

Steve Church, co-presidente di Church Brothers Farms, un'azienda di prodotti con sede in California, ha ad esempio raccontato che circa il 10% dei dipendenti del suo impianto di lavorazione e distribuzione di verdure in Arizona era a casa malato mentre gli altri che sono in servizio stanno facendo gli straordinari per spedire le verdure tagliate fresche e le insalate in busta verso i negozi di alimentari e ristoranti come Walmart. e Chipotle Mexican Grill. 

I costi delle aziende alimentari e delle catene di supermercati stanno aumentando mentre cercano disperatamente di restare operativi on meno dipendenti.

C'è chi come a Northport, Stop & Shop ha offerto ai dipendenti sindacalizzati la paga degli straordinari per coprire i turni del personale malato e ha chiesto ai dipendenti part-time di lavorare più ore. Ma la situazione a lungo andare può diventare insostenibile.