Omicron ha raddoppiato i casi nel mondo, ma il numero dei morti è in calo

Omicron ha raddoppiato i casi nel mondo, ma il numero dei morti è in calo

Nella prima settimana dell'anno oltre 2 milioni di nuovi positivi, ma i decessi sono come nell'ottobre 2020

Omicron raddoppia casi mondo numero morti cala

 Covid in Sud Africa

AGI - Nella prima settimana dell'anno, dal 1 al 7 gennaio, nel mondo sonostati registrati in media più di 2 milioni di casi di Covid al giorno. Secondo la media della France Press sono 2.106.118, mentre nella settimana tra il 23 e il 29 dicembre del 2021 erano stati poco più di un milione, quindi più o meno la metà rispetto ad oggi.

Da fine novembre + 270%

In generale, il numero di nuovi casi giornalieri è aumentato del 270% dalla scoperta, a fine novembre 2021, della variante Omicron in Botswana e in Sudafrica.

Ma i decessi legati alla malattia sono al livello più basso dall'ottobre 2020, con una media di 6.237 al giorno registrata nel periodo tra il 1 e il 7 gennaio. A causa dell'aumento dei casi, i paesi di tutto il mondo hanno reintrodotto le restrizioni e hanno intensificato i programmi di vaccinazione. L'Europa e gli Stati Uniti e il Canada, sono i focolai di infezione nel mondo.

In Europa nell'ultima settimana è stato registrato il 49% dei casi globali e negli Usa il 33% dei casi globali. I contagi sono aumentati del 47% in Europa e del 76% negli Stati Uniti e in Canada rispetto alla settimana precedente.

Nello stesso periodo, le infezioni sono aumentate del 224% in Oceania, del 148% in America Latina e Caraibi, del 116% in Medio Oriente e del 145% in Asia. In Africa i numeri sono rimasti stabili ma, come altrove, hanno raggiunto il livello più alto dall'inizio della pandemia (marzo 2020).

Molti i casi non rilevati

I dati si basano su statistiche ufficiali prodotte dalle autorità sanitarie nazionali. Una percentuale significativa di casi meno gravi o asintomatici non viene rilevata nonostante il gran numero di test effettuati. L'Organizzazione mondiale della sanità stima che il bilancio complessivo delle vittime potrebbe essere da due a tre volte superiore rispetto ai dati attuali.

La Gran Bretagna, che ha superato i 150 mila decessi legati alla malattia ed è il settimo Paese al mondo per numero di morti, ha riportato nelle ultime 24 ore 146.390 casi contro i 178.250 di ieri. In aumento il numero dei decessi, 313 dopo i 229 del giorno prima. L'India ha segnalato 141.986 nuovi contagi nelle ultime 24 ore, il numero pià alto da maggio. Il Messico ha superato la soglia dei 300 mila decessi.

Fine quarantene

A Hong Kong fine della quarantena per decine di politici e altre personalità in vista, tra cui il capo della polizia e il ministro delle Finanze, dopo che uno dei due casi di Covid-19 emersi ad una festa a cui avevano partecipato è stato dichiarato falso positivo. Circa 180 persone che hanno partecipato alla festa, inclusi funzionari dell'amministrazione, sono stati inviati nelle strutture del governo per la quarantena per un periodo di 21 giorni, nel timore di un'impennata di contagi dovuti a Omicron.

Buone notizie arrivano dal Sudafrica: i medici di una delle città in cui la variante Omicron è stata identificata per la prima volta affermano che l'impennata di contagi è stata contrassegnata da una malattia meno grave rispetto alle prime ondate e ci sono chiari segnali che i tassi di ricovero ospedaliero e di casi potrebbero diminuire nelle prossime settimane.

Nel mondo 5,5 milioni di decessi

La pandemia ha ucciso nel mondo più di 5.478.486. Gli Stati Uniti sono il Paese più colpito con 836.603 morti, seguiti da Brasile (619.822), India (483.463) e Russia (315.400).