agi live
La mappa delle restrizioni anti-Covid nel mondo

La mappa delle restrizioni anti-Covid nel mondo

La recrudescenza dei nuovi casi di Covid e la diffusione della nuova variante Omicron preoccupano i governi. Negli ultimi giorni sono stati oltre 30 i Paesi che hanno imposto divieti e limiti ai viaggi

Covid omicron mappa restrizioni mondo

© Liu Peicheng / XINHUA / Xinhua via AFP
- Un laboratorio di ricerca sul covid in Cina

AGI - La recrudescenza dei nuovi casi di Covid registrata nelle ultime settimane in Europa e la diffusione della nuova variante Omicron, individuata pochi giorni fa in Sudafrica e in Botswana, minacciano la libera circolazione delle persone nel mondo e spingono i governi ad attuare misure più restrittive. Negli ultimi giorni sono stati oltre 30 i Paesi che hanno imposto divieti e limiti ai viaggi.

Ecco, di seguito, quali e come sono intervenuti.

ANGOLA: il Paese ha annunciato che chiuderà fino al 5 gennaio le frontiere con alcuni Paesi sudafricani, fra cui Botswana, Eswatini, Lesotho, Malawi, Mozambico, Namibia, Zimbabwe e Sudafrica.

ARABIA SAUDITA: bloccati i voli da Botswana, Sudafrica, Eswatini, Lesotho, Mozambico, Namibia, Zimbabwe e divieto di ingresso agli stranieri che negli ultimi 14 giorbni sono stati in uno di questi Paesi

AUSTRALIA: stop a tutti i voli da Botswana, Eswatini, Lesotho, Malawi, Mozambico, Namibia, Zimbabwe e Sudafrica

BRASILE: stop ai voli provienienti da Botswana, Eswatini, Lesotho, Namibia, Zimbabwe e Sudafrica

CANADA: vietato l'ingresso a tutti gli stranieri che si sono recati in Botswana, Eswatini, Lesotho, Mozambinco, Namibia, Sudafrica e Zimbabwe

CILE: restrizioni per i viaggiatori provenienti da 7 Paesi africani

CINA: divieto assoluto di ingresso per gli stranieri. Sono autorizzati ad entrare nel Paese soltanto i cittadini cinesi e i titolari di permesso di soggiorno

COSTA RICA: richiesto il pass vaccinale per entrare nei ristoranti, bar, negozi, palestre e alberghi

CUBA: quarantena per i viaggiatori in provenienza da 8 Paesi africani

EMIRATI ARABI UNITI: divieto di ingresso per chi è stato in Botswana, Sudafrica, Eswatini, Lesotho, Mozambico, Namibia, Zimbabwe

FILIPPINE: bloccati fino al 15 dicembre tutti i voli in arrivo da Botswana, Sudafrica, Eswatini, Lesotho, Mozambico, Namibia e Zimbabwe

FRANCIA: dal 4 dicembre revocherà il blocco dei voli in ingresso da dieci Paesi dell'Africa meridionale che era stato imposto in seguito al rilevamento della variante Omicron. Sarà pero' attuata una supervisione "drastica" che consentirà di viaggiare solo a francesi, cittadini dell'Ue, diplomatici e marittimi. Questi viaggiatori saranno inoltre sottoposti al test per il Covid al loro arrivo in Francia, seguito da un isolamento di sette giorni in caso di esito negativo e di dieci giorni in caso di esito positivo. Inoltre, tutti i viaggiatori provenienti da un Paese extraeuropeo, anche vaccinati, dovranno presentare un test negativo svolto nelle ultime 48 ore 

GERMANIA: sono stati sospesi tutti i voli da Botswana, Eswatini, Lesotho, Malawi, Mozambinco, Namibia, Zambia e Zimbabwe

GIAPPONE: sospese per un mese le prenotazioni dei voli in arrivo a partire dal primo dicembre. Le prenotazioni già effettuate non sono colpite dal blocco

HONG KONG: divieto di ingresso, ad eccezione dei titolari di permesso di soggiorno, per chi arriva da Sudafrica, Botswana, Eswatini, Lesotho, Malawi, Mozambico, Namibia, Zimbabwe, Angola, Etiopia, Nigeria e Zambia, ma anche da Australia, Austria, Belgio, Canada, Repubblica Ceca, Danimarca, Germania, Israele e Italia, Giappone, Portogallo e Svezia.

ISRAELE: divieto di ingresso per gli stranieri per 14 giorni e i cittadini israeliani che sono di rientro nel Paese devono osservare una quarantena, anche se completamente vaccinati.

ITALIA: vietato l'ingresso a chi negli ultimi 14 giorni è stato in Sudafrica, Lesotho, Botswana, Zimbabwe, Mozambico, Namibia e Eswatin

KUWAIT: stop ai voli diretti da Botswana, Sudafrica, Eswatini, Lesotho, Malawi, Mozambico, Namibia, Zambia e Zimbabwe

LIBANO: le autorità dovrebbero annunciare l'introduzione del coprifuoco dalle 19 alle 7, secondo quanto riporta il sito libanese Mtv

MALDIVE: ingresso vietato a chi negli ultimi 14 giorni è stato in Botswana, Sudafrica, Eswatini, Lesotho, Mozambico, Namibia e Zimbabwe

MALTA: vietati tutti i voli da a per Botswana, Sudafrica, Eswatini, Namibia e Zimbabwe

MAROCCO: sospesi tutti i voli in arrivo per due settimane

NUOVA ZELANDA: possono entrare solo i cittadini del Paese. Inoltre, entra in vigore la vaccinazione obbligatoria per i sanitari

PAESI BASSI: sospesi tutti i voli che non portano connazionali da Botswana, Sudafrica, Eswatini, Lesotho, Mozambico, Namibia e Zimbabwe. Il governo ha anche anticipato la chiusura alle 17 dei luoghi culturali, dei cinema e dei negozi non essenziali. I supermercati, le farmacie e i vendotori all'ingrosso devono rimanere chiusi dalle 20 alle 5 di mattina. Le palestre devono chiudere alle 17.

PAKISTAN: frontiere chiuse con Botswana, Hong Kong, Lesotho, Mozambico, Namibia e Sudafrica

PERù: pass vaccinale obbligatorio per entrare nei ristoranti, nei centri commerciali, nelle palestre e nei luoghi culturali 

PORTOGALLO: è richiesto un tampone negativo a tutti i viaggiatori dai 12 anni in su in arrivo negli aeroporti, a prescindere dal fatto che siano a vaccinati o meno. Il governo ha anche reintrodotto l'obbligo della mascherina negli spazi chiusi e per entrare negli hotel, nei ristoranti, nelle palestre e nella maggior parte dei luoghi pubblici è richiesta la prova dell'avvenuta vaccinazione o guarigione o un test negativo

POLONIA: blocco a tutti i voli da 7 Paesi africani

REGNO UNITO: Il Paese ha aggiunto Botswana, Sudafrica, Eswatini, Lesotho, Namibia e Zimbabwe alla 'lista rossà. Inoltre, tutti i viaggiatori che entrano nel Regno Unito devono sottoporsi a un tampone molecolare entro 48 ore dal loro arrivo ed autoisolarsi fino a quando non hanno ricevuto un risultato negativo. è stato reintrodotto l'obbligo di mascherina sui trasporti pubblici e nei negozi (non è invece obbligatoria nei ristoranti)

RUSSIA: divieto di ingresso agli stranieri che sono stati in Botswana, Sudafrica, Eswatini, Lesotho, Mozambico, Namibia, Tanzania, Sudafrica e Zimbabwe 

STATI UNITI: L'amministrazione Biden sta per mettere in campo regole sanitarie più severe per l'ingresso. I nuovi requisiti, secondo anticipazioni giornalistiche, si applicheranno anche ai cittadini americani e prevederanno la presentazione di un test negativo effettuato il giorno prima della partenza, indipendentemente dalla vaccinazione e dal Paese di provenienza. La proposta più controversa in corso di discussione riguarda l'obbligo di sette giorni di quarantena esteso a tutti coloro che arrivano nel Paese, inclusi i cittadini americani, anche qualora il test presentato sia negativo.

Si sta inoltre valutando di sottoporre a un secondo test i viaggiatori entro tre o cinque giorni dall'arrivo negli Stati Uniti. Chi non rispetta le regole potrebbe essere sottoposto a multe e sanzioni, spiegano le fonti. Le misure anticipate dal Washington Post sono contenute nella bozza di un'ordinanza dei Centers for Disease Control and Prevention che sta venendo esaminata dal dipartimento della Salute e dalla Casa Bianca.

SPAGNA: i viaggiatori provenienti da Botswana, Sudafrica, Mozambico, Eswatini, Lesotho, Namibia e Zimbabwe dovranno sottoporsi a quarantena per 10 giorni e potranno uscire dall'isolamento con un test negativo eseguito al settimo giorno. Le nuove misure saranno in vigore per 14 giorni. Il Paese richiede inoltre la prova di aver ricevuto due dosi di vaccino a tutti i viaggiatori in arrivo che hanno dai 12 anni in su. In Andalusia è stato deciso di mantenere l'allerta di livello 0 per il Covid in tutti i distretti sanitari, in modo che l'intera comunità possa continuare senza restrizioni di orari o di capacità nonostante siani stati superati i 100 casi di incidenza cumulativa.

SVEZIA: entra in vigore il pass vaccinale per gli eventi negli spazi al chiuso con oltre 100 persone

TURCHIA: stop ai voli da Botswana, Mozambico, Namibia, Sudafrica e Zimbabwe

ZIMBABWE: coprifuoco e quarantena per tutti i viaggiatori