Muore donna di 20 anni e la Slovenia sospende l'uso di Johnson & Johnson

Muore donna di 20 anni e la Slovenia sospende l'uso di Johnson & Johnson

Gli esperti che consigliano il governo hanno raccomandato lo stop, "potrebbe esserci un legame indesiderato tra la morte e la vaccinazione"

Slovenia sospende vaccino Jansen dopo morte sospetta

© Hakan Nural / ANADOLU AGENCY / Anadolu Agency via AFP
- Il vaccino Johnson&Johnson

AGI - La Slovenia ha sospeso temporaneamente le vaccinazioni con Johnson & Johnson dopo che una ragazza di 20 anni è morta per un'emorragia cerebrale e coaguli di sangue pochi giorni dopo aver fatto il vaccino.

"Il ministero della salute ha chiesto all'Istituto di salute pubblica di sospendere temporaneamente le vaccinazioni con il vaccino Janssen fino a quando tutti i dettagli relativi a questo caso saranno chiariti", ha detto il ministro della salute Janez Poklukar in una conferenza stampa.

Gli esperti che consigliano il governo hanno raccomandato la sospensione dopo aver appreso che "potrebbe esserci un legame indesiderato tra la morte e la vaccinazione", ha detto Bojana Beovic, che guida il gruppo di esperti. I media hanno riferito che la donna era stata ricoverata lunedì in gravi condizioni, solo pochi giorni dopo aver ricevuto il vaccino della Johnson & Johnson. 

Una morte è già stata confermata come legata al vaccino in Slovenia, dove più di 120.000 persone sono state vaccinate.

Circa il 47% dei due milioni di sloveni sono stati vaccinati, uno dei livelli più bassi dell'Unione Europea.

Nel tentativo di aumentare i numeri, il governo ha annunciato all'inizio di settembre che tutti i dipendenti pubblici dovranno essere vaccinati o guariti dal Covid-19 per continuare a lavorare dal 1° ottobre. La domanda di Johnson & Johnson è aumentata nelle ultime settimane perché è l'unico vaccino che non richiede due dosi.

L'Agenzia europea per i medicinali ha detto a giugno che gli stati dell'UE devono usare tutte le opzioni di vaccino disponibili per combattere la pandemia di coronavirus, ed era troppo presto per dire se un particolare tipo fosse migliore.

I commenti sono venuti quanto diversi paesi hanno limitato l'uso dei cosiddetti vaccini a vettore virale come AstraZeneca e Johnson & Johnson a causa di un legame con rari coaguli di sangue, e hanno optato invece per i vaccini RNA messaggero come Pfizer e Moderna.

Il regolatore ha attualmente approvato questi quattro vaccini per l'uso nelle 27 nazioni dell'Unione europea.