Testa a testa in Germania: Spd in lieve vantaggio. Cdu: peggior risultato della storia

Testa a testa in Germania: Spd in lieve vantaggio. Cdu: peggior risultato della storia

In base alle proiezioni ZDF, Spd prima con il 26% contro il 24,5% della Cdu che perde 8 punti rispetto alle precedenti politiche, mai così male. Secondo ARD, invece, i due partiti sono più vicini: 25,8 a 24,2 per cento. Al terzo posto i Verdi, poi l'estrema destra della Afd e la Linke, che rischia di non entrare nel Bundestag.

germania si allarga la forbice tra spd e cdu/csu

elezioni in germania
 

AGI – Le ultime proiezioni di Zdf e Ard sul voto elettorale tedesco indicano che continua ad allargarsi – anche se di poco – la forbice che separa la Spd di Olaf Scholz dalla Cdu/Csu di Armin Laschet.     

Secondo la proiezione del secondo canale pubblico, i socialdemocratici al 26% dei consensi staccano di un punto e mezzo l’unione conservatrice, al 24,5%.

Seguono i Verdi al 13,9%, i liberali all’11,7%, l’Afd al 10,5% e la Linke, il partito della sinistra, al 5%, appena sopra la soglia di sbarramento per entrare al Bundestag. 

Stando invece ai dati pubblicati dall’Ard, l’Spd ha conquistato il 25,8%, mentre l’unione Cdu/Csu non va oltre il 24,2%.

I Verdi arrivano al 14,3% dei consensi, seguiti dall’Fdp all’11,5%. Quasi identico il risultato dell’Afd al 10,6%, e anche qui la Linke è ferma al 5%.

Un sondaggio pubblicato da Zdf rivela che la maggioranza dei tedeschi (il 55%) vuole un governo guidato dall'Spd contro il 36% che preferirebbe un esecutivo a guida Cdu-Csu. Ciò rileva un orientamento diametralemte opposto rispetto al 2017 quando gli elettori tedeschi erano al 52% a favore di un governo guidato dalla Cdu e il 36% era per uno guidato dall'Spd.

A giudicare dalle prime stime, la Union, ovvero l'insieme di Cdu e Csu (cristianodemocratici, nazionali, e socialdemocratici, bavaresi) avrebbe ottenuto il peggior risultato della sua storia. Nelle precedenti elezioni federali la quota era pari al 32,9%, il 25% (nella migliore delle ipotesi) di questa tornata elettorale rappresenta un 8% in meno. Nei sondaggi di pochi mesi fa, l'Unione aveva quote superiori al 37%.

Secondo una rilevazione di Ard, i Verdi e i liberali di Fdp sono stati i partiti piu' votati dai giovani tedeschi, mentre gli anziani hanno preferito i partiti tradizionali, ovvero Cdu/Csu e Sdp.

Tra gli elettori di eta' inferiore ai 25 anni, il 23% ha scelto i Verdi, il 22% l'Fdp, il 14% l'Spd, l'11% la Cdu/Csu, l'8% l'Afd e un altro 8% la Linke. Tra gli ultrasettantenni, invece, il 39% ha votato per la Cdu/Csu, il 33% l'Spd, l'8% l'Fdp, il 7% i Verdi, il 6% l'Afd e il 4% la Linke.

Le simulazioni basate sulle proiezioni di Ard assegnano all'Spd 205 seggi al Bundestag (ora sono 153), 195 alla Cdu/Csu (oggi a 246), 114 ai Verdi (oggi a 67), 91 all'Fdp (oggi a 80), 84 all'Afd (oggi a 94) e 40 alla Linke (oggi a 69) nell'ipotesi che quest'ultima riesca a ottenere il 5% necessario a superare la soglia di sbarramento.        

Sarebbero quindi tre le possibili coalizioni che guadagnerebbero la maggioranza assoluta, la cui soglia minima è 376 seggi. Una coalizione 'Semaforo' con Spd, Fdp e Verdi si attesterebbe a 410 seggi. Un'alleanza 'Giamaica' (Cdu/Csu, Fdp e Verdi) e una poco probabile riedizione della 'GroKo' tra Cdu/Csu e Spd si attesterebbero entrambe a 400 seggi. È invece da scartare l'ipotesi di una coalizione "rosso-rosso-verde" con Spd, Verdi e Linke, che raccoglierebbe solo 359 seggi.