L'operazione 'Ananas' per portare in salvo i commando afghani braccati dai talebani

L'operazione 'Ananas' per portare in salvo i commando afghani braccati dai talebani

Si tratta di un gruppo informale che ha cominciato a lavorare per portare in salvo un militare che aveva lavorato con le forze speciali statunitensi e con il Seal Team Six per una decina di anni, prendendo di mira la leadership dei talebani, ed era quindi ad alto rischio di rappresaglia

operazione ananas salvare commando afghanistan

© Haroon Sabawoon / ANADOLU AGENCY / Anadolu Agency via AFP

 
- I commando afghani

AGI - Si chiama 'operazione Ananas' ed è stata messa in piedi da uomini delle forze speciali statunitensi in servizio e in congedo e dagli agenti dell'intelligence stanno  per mettere in salvo commando, informatori e interpreti afgani.

Si tratta di un gruppo informale, racconta la Abc, che ha cominciato a lavorare per portare in salvo un ex commando afgano braccato dai talebani che gli inviavano minacce di morte. Sapevano che aveva lavorato con le forze speciali statunitensi e con il Seal Team Six per una decina di anni, prendendo di mira la leadership dei talebani, ed era quindi ad alto rischio di rappresaglia.

Due mesi fa era sfuggito per un pelo da un piccolo avamposto nel nord dell'Afghanistan che era stato poi invaso ed era in attesa che il suo visto di immigrazione speciale per gli Stati Uniti fosse approvato.

Al culmine di una notte straziante in cui ex berretti verdi, operatori umanitari e un membro dello staff del Congresso, i marines sono riusciti a identificare l'ex commando afgano, che è stato prelevato dalla folla di civili fuori dall'aeroporto. 

Con i combattenti talebani che si mescolavano alla folla e sparavano con i loro AK-47 sopra le teste, l'ex commando è stato finalmente trascinato nel perimetro di sicurezza degli Stati Uniti, dove ha gridato la parola d'ordine "ananas" alle truppe americane al checkpoint. Due giorni dopo, anche un gruppo di suoi amici e compagni americani ha aiutato a portare la sua famiglia all'interno dell'aeroporto.

Altri ex membri dell'esercito e della Cia hanno unito i propri sforzi in un gruppo separato che si chiama "Task Force Dunkirk" - un riferimento alla massiccia evacuazione delle forze britanniche e di altre forze alleate dalla Francia nel 1940 sotto la minaccia nazista - e ha aiutato a far uscire dal paese almeno 83 afgani a rischio, "uno alla volta".

Dopo il successo iniziale della Task Force Ananas, il gruppo è riuscito a portare in salvo decine di uomini che hanno combattuto contro i talebani in unità afghane d'elite a fianco Operatori speciali statunitensi, oltre a donne e bambini.