Per la prima volta una donna è stata ammessa nei Navy Seal

Per la prima volta una donna è stata ammessa nei Navy Seal

E' l’unica a esserci riuscita in un gruppo iniziale di diciotto aspirant e ha dovuto superare un duro allenamento con missioni sott’acqua sul modello di James Bond

Usa prima donna squadra speciale Navy Seal

© US NAVY/AFP
  - Gruppo di soldati del Navy Sea-Air-Land (SEAL) 

AGI - Ufficialmente non ha ancora un nome e un’età, ma è già nella storia delle forze speciali più famose al mondo: è la prima donna a entrare nei Navy Seal, il commando militare d’elite dell’esercito americano.

La donna ha superato “brillantemente” tutte le prove e il suo ingresso è stato annunciato dal comandante, il retro ammiraglio W. Howard III.

“E’ un traguardo straordinario”, ha commentato l’alto ufficiale. “Come gli altri compagni di corso - ha aggiunto - lei ha dimostrato carattere, competenze e leadership, qualità richieste per unirsi al nostro corpo speciale”.

Nove mesi di prove durissime

La donna faceva parte di un gruppo di diciassette allievi che hanno superato un duro allenamento finale, durato nove mesi, che prevedeva missioni sott’acqua sul modello di James Bond, capaci di muoversi clandestinamente con piccole attrezzature per sfuggire ai radar marini e salire a bordo delle navi, ma anche lanciarsi con il paracadute in pieno oceano, come fecero nel 2009 i marine per liberare una nave sequestrata nell’oceano Indiano. Solo un cadetto ogni tre ha superato le prove.

La donna è anche l’unica a esserci riuscita in un gruppo iniziale di diciotto aspiranti soldatesse speciali, di cui quattordici non ce l’hanno fatta, mentre tre si stanno allenando per entrare in un sottogruppo dei Marine.

L’ingresso della prima donna nella squadra delle operazioni speciali dei Navy Seal arriva cinque anni dopo l’apertura del Pentagono all’ingresso di donne nei corpi speciali.