Annunciato l'arresto della 'mente' dell'attentato al presidente di Haiti, Moise

Annunciato l'arresto della 'mente' dell'attentato al presidente di Haiti, Moise

Secondo la polizia di Haiti una squadra di 28 membri, reclutata attraverso una società di sicurezza venezuelana, ha fatto irruzione nella casa della famiglia di Moise e ha aperto il fuoco 

haiti arresto mente attentato moise

© Valerie Baeriswyl / AFP 
- Il presidente di Haiti assassinato Jovenel Moise 

AGI - La polizia di ha annunciato di aver arrestato un cittadino haitiano "che aveva obiettivi politici" nel reclutare gli uomini armati che hanno assassinato il presidente Jovenel la scorsa settimana.

"Questo è un individuo che è entrato ad Haiti su un aereo privato con obiettivi politici", ha detto Leon Charles, capo della polizia nazionale haitiana.

Christian Emmanuel Sanon, 63 anni, che è di nazionalità haitiana, è arrivato sull'isola in giugno accompagnato da diversi colombiani, secondo i dettagli forniti in una conferenza stampa cui erano presenti anche diversi ministri haitiani.

"La missione è poi cambiata", ha detto Charles, spiegando che l'intento era originariamente quello di arrestare Moise, e l'operazione è stata montata dall'interno del paese. "Altri ventidue individui sono entrati ad Haiti", ha detto Charles.  

Diciotto cittadini colombiani sono stati arrestati da mercoledì. Interrogandoli, la polizia haitiana ha appreso che Sanon aveva reclutato 26 membri della squadra attraverso una società di sicurezza venezuelana con sede in Florida chiamata CTU.

"Quando noi, la polizia, abbiamo bloccato questi banditi dopo che avevano commesso il loro crimine, la prima persona che uno degli assalitori ha chiamato è stato Christian Emmanuel Sanon.

"Ha contattato altre due persone che consideriamo essere le menti dell'assassinio del presidente Jovenel Moise", ha detto Charles, senza rivelare l'identità degli altri due sospetti.

Membri del Federal Bureau of Investigation (FBI), del Dipartimento di Stato, del Dipartimento di Giustizia, del Consiglio di Sicurezza Nazionale e del Dipartimento della Sicurezza Nazionale sono arrivati domenica ad Haiti e hanno incontrato il direttore generale della polizia. 

Secondo le autorità haitiane, la squadra di 28 membri ha fatto irruzione nella casa della famiglia di Moise e ha aperto il fuoco su di lui e sua moglie, Martine. Il presidente è stato ucciso e sua moglie è stata gravemente ferita, dopo le prime cure è stata portata in aereo in un ospedale di Miami.

L'assassinio di Moise ha fatto precipitare Haiti, il paese più povero delle Americhe, nel caos. La comunità internazionale ha chiesto al paese caraibico di andare avanti con le elezioni presidenziali e legislative previste per la fine di quest'anno uscendo dall'incertezza sul futuro politico.

La delegazione statunitense ha incontrato domenica i principali attori del governo di Haiti. "Ho incontrato la delegazione statunitense e insieme abbiamo accolto la risoluzione del Senato che mi ha scelto come presidente ad interim della Repubblica", ha twittato domenica sera Joseph Lambert, presidente del Senato haitiano.

La delegazione ha anche incontrato il primo ministro ad interim Claude Joseph, che dice di essere ancora in carica. Nessun poliziotto è rimasto ferito durante le operazioni di arresto dei presunti mercenari colombiani, tre dei quali sono stati uccisi nel corso delle operazioni di polizia.