Golpe in Mali, i militari catturano presidente e primo ministro

Golpe in Mali, i militari catturano presidente e primo ministro

Un funzionario del governo ha confermato che i capi dell'esecutivo di transizione, Bah Ndaw e il premier Moctar Ouane, sono stati portati in un campo dell'esercito

Golpe Mali militari 

Soldati del Mali

AGI - I militari del Mali, scontenti del nuovo governo annunciato dalle autorità di transizione, hanno rimosso con la forza il presidente e il primo ministro portandoli nel campo militare di Kati, a poche miglia da Bamako, in un colpo di stato che scuote il paese precipitato in una crisi profonda. "Il presidente e il primo ministro sono qui a Kati per affari che li riguardano", ha detto un alto funzionario militare.

Un funzionario del governo, anche lui parlando a condizione di anonimato, ha confermato che i capi dell'esecutivo di transizione, il presidente Bah Ndaw e il primo ministro Moctar Ouane, sono stati portati a Kati, il centro dell'apparato militare del Mali. È lì che il presidente eletto Ibrahim Boubacar Keita era stato preso con la forza il 18 agosto 2020 dai colonnelli golpisti per annunciare le sue dimissioni. Sembra che gli stessi colonnelli siano al lavoro nove mesi dopo. Oggi, il primo ministro di transizione aveva detto di essere stato portato sotto costrizione dai soldati a casa del presidente Ban Ndaw.

"Posso confermare che gli uomini di Goita sono venuti a prendermi e mi hanno portato a casa del presidente, che non è lontano dalla mia residenza", ha detto Ouane in una breve conversazione telefonica con l'AFP, riferendosi all'uomo forte del Mali, il colonnello Assimi Goita, attuale vicepresidente della transizione. La conversazione si è poi interrotta. Bamako era in fermento, si susseguivano voci difficili da confermare.

La capitale, al quarto colpo di stato dall'indipendenza nell'agosto 2020, tuttavia, questa sera presentava un'atmosfera di relativa normalità. Gli eventi sono arrivati poche ore dopo l'annuncio di un nuovo governo, ancora dominato dai militari, ma dal quale sono stati rimossi gli ufficiali vicini alla giunta che aveva preso il potere dopo il colpo di stato dell'agosto 2020 e di cui Assimi Goïta era il leader. I colonnelli avevano installato dopo poche settimane delle autorità di transizione, tra cui un presidente, Ban Ndaw - un ufficiale in pensione - e un governo guidato da Moctar Ouane, un civile.

Con riluttanza, e sotto la pressione della comunità internazionale, si erano impegnati a consegnare il potere ai civili eletti dopo 18 mesi, invece dei tre anni che ritenevano necessari per la transizione. Di fronte alla crescente protesta politica e sociale, il primo ministro si è dimesso dieci giorni fa ed è stato immediatamente reintegrato dal presidente transitorio Ndaw, con il mandato di formare una squadra inclusiva.

La grande incognita era il posto che sarebbe stato dato ai militari, soprattutto quelli vicini all'ex giunta, e negli ultimi giorni è cresciuta la preoccupazione che i colonnelli non siano soddisfatti delle scelte di Moctar Ouane. Nel governo annunciato dalla presidenza di transizione, i militari detengono ancora i ministeri della difesa, della sicurezza, dell'amministrazione territoriale e della riconciliazione nazionale.

Ma tra i cambiamenti annunciati in una dichiarazione letta alla radio e alla televisione pubblica, due membri dell'ex giunta, i colonnelli Sadio Camara e Modibo Kone, lasciano i rispettivi portafogli della Difesa e della Sicurezza sostituiti rispettivamente dal generale Souleymane Doucoure e dal generale Mamadou Lamine Ballo. Del nuovo governo fanno parte anche - all'Istruzione e agli Affari fondiari - due ministri che sono membri dell'Unione per la Repubblica e la Democrazia (URD), la principale forza politica del Movimento 5-Jun (M5), il collettivo che ha guidato la protesta che ha portato al rovesciamento del presidente Keita.