Il giudice che condannò Lula "non fu imparziale"

Il giudice che condannò Lula "non fu imparziale"

E' quanto ha stabilito la Corte Suprema brasiliana, avvalorando la tesi del complotto per estrometterlo dalle elezioni del 2018 evocata dall'ex presidente

brasile lula giudice non fu imparziale

Lula (Afp) 

AGI - La Corte Suprema del Brasile ha ratificato questo giovedì la decisione di dichiarare "parziale" l'ex giudice Sergio Moro nel processo per corruzione che ha portato in carcere l'ex presidente Luiz Inacio Lula da Silva. Sette degli undici magistrati della Corte Suprema Federale si sono espressi a favore del mantenimento della sentenza, due hanno votato contro e gli altri due devono pronunciarsi quando riprenderà la discussione del caso, senza una data definita. Sebbene il dibattito ruotasse attorno a questioni tecniche e non sulla parzialità di Moro, la decisione rafforza le argomentazioni dell'ex presidente di sinistra (2003-2010) di essere stato vittima di un complotto per allontanarlo dalla competizione elettorale del 2018 e costituisce un altro colpo di stato.

La condanna del 2017

Lula è stato condannato da Moro nel 2017 come presunto beneficiario di un appartamento sulla costa di San Paolo offerto da una società di costruzioni in cambio di contratti con Petrobras di proprietà statale. Una corte d'appello ha confermato la sua condanna, impedendogli di contestare le elezioni e tenendolo in prigione tra aprile 2018 e novembre 2019. Ma la seconda camera della Corte suprema (composta da cinque giudici) ha ritenuto il mese scorso che Moro avesse agito con parzialità durante le indagini del processo e ha ordinato che il caso tornasse a palo zero. La difesa di Lula sostiene che Moro ha agito per interessi politici e che ciò è stato dimostrato quando Jair Bolsonaro, il vincitore delle elezioni, lo ha nominato ministro della Giustizia.

"E' una vittoria per la legge sull'arbitrio. E' il ripristino del giusto processo legale e della credibilità della magistratura in Brasile", hanno affermato gli avvocati di Lula dopo la maggioranza raggiunta dall'Stf. La condanna del triplex e un'altra pronunciata nei confronti di Lula nel tribunale di Curitiba (sud) erano già state annullate il mese scorso dalla Stf per un altro motivo, di natura formale: il tribunale ha ritenuto che Moro non avesse competenza giurisdizionale, poiché le accuse non erano concentrati sui diversivi a Petrobras.

Quattro casi passano alla giustizia federale

In totale, quattro casi che coinvolgono Lula con sede a Curitiba saranno trasferiti alla giustizia federale di Brasilia. Dopo l'annullamento delle sue condanne, Lula ha recuperato i suoi diritti politici e fino a quando non sarà condannato in secondo grado, potrà candidarsi alle elezioni del 2022. Il 75enne ex leader sindacale si è finora astenuto dall'indicare se assumerà il ruolo di candidato, ma ha chiarito che cercherà di svolgere un ruolo di primo piano per spodestare il presidente di estrema destra.