La Repubblica ceca espelle 18 diplomatici russi

La Repubblica ceca espelle 18 diplomatici russi

Sono sospettati di essere agenti dei servizi segreti, coinvolti in un'esplosione che nel 2014 provocò la morte di due cechi 

repubblica ceca espelle diplomatici russi

© CREDITMICHAL CIZEK / AFP
- Repubblica Ceca, Praga

AGI - La Repubblica Ceca ha espulso 18 diplomatici russi che i suoi servizi segreti hanno identificato come agenti dello spionaggio di Mosca. I diplomatici sarebbero stati identificati dall'intelligence locale come agenti segreti dei servizi russi Svr e Gru e sono sospettati di essere coinvolti in un'esplosione del 2014.

"Chiare prove"

"Diciotto dipendenti dell'ambasciata russa devono lasciare la nostra repubblica entro 48 ore", ha detto il ministro degli Esteri Jan Hamacek ai giornalisti. Il primo ministro Andrej Babis ha detto che le autorità ceche hanno "chiare prove" che collegano gli ufficiali del Gru a un'esplosione in un magazzino di munizioni nel 2014 in cui sono morte due cechi. "Abbiamo buone ragioni per sospettare il coinvolgimento di ufficiali del Gru dell'unità 29155 nell'esplosione del magazzino di munizioni a Vrbetice" nell'est del Paese, ha detto Babis.

Come dopo il caso Salisbury

Il premier ha spiegato di aver ricevuto l'informazione venerdì 16 aprile, senza spiegare perché ci sia voluto così tanto tempo. "L'esplosione ha causato enormi danni materiali e ha rappresentato una grave minaccia per la vita di molte persone del posto, ma soprattutto ha ucciso due nostri concittadini, padri di famiglia", ha detto Babis. Hamacek, che è il ministro degli Interni e anche ministro degli Esteri ad interim dopo che il suo predecessore è uscito dal governo all'inizio di questa settimana, si è detto dispiaciuto del fatto l'incidente è destinato a "danneggiare le relazioni ceco-russe". "Siamo in una situazione simile a quella della Gran Bretagna dopo il tentato avvelenamento a Salisbury nel 2018", ha detto, riferendosi al caso dell'ex agente doppio russo Sergei Skripal che è sopravvissuto a un avvelenamento da agente nervino in Gran Bretagna. La Russia ha negato il coinvolgimento, ma circa 300 diplomatici sono stati rimandati a casa nelle successive espulsioni "occhio-per-occhio". Hamacek ha detto di aver convocato l'ambasciatore russo Alexander Zmeyevsky questa sera per comunicargli la decisione. 

La risposta di Mosca

Si prevedono comunque reazioni da Mosca. La risposta della Russia all'espulsione dei suoi diplomatici dovrebbe essere "proporzionata", ha annunciato il primo vice capo della commissione affari esteri del Consiglio della Federazione, Vladimir Dzhabarov. "Non so nemmeno quante persone lavorano qui, l'ambasciata ceca non è grande. Forse, si deve agire secondo il rapporto percentuale del numero di coloro che lavorano all'ambasciata", ha detto, probabilmente per non rischiare di doverla chiudere.

Giovedì, la Polonia, confinante con la Repubblica Ceca, aveva annunciato di aver espulso tre diplomatici russi per "aver svolto attività a danno della Polonia". Varsavia ha anche espresso solidarietà con gli Stati Uniti, che all'inizio di quel giorno avevano annunciato sanzioni e l'espulsione di dieci diplomatici russi come rappresaglia per ciò che Washington ha detto che il Cremlino ha interferito nelle elezioni americane, un massiccio attacco informatico e altre attività ostili.