Tre doppiatrici televisive sono state uccise in Afghanistan

Tre doppiatrici televisive sono state uccise in Afghanistan

Il capo della polizia di Nangarhar, Juma Gul Hemat, ha detto che un sospetto è stato preso in custodia dopo le sparatorie, ma è ancora in corso la ricerca di altri presunti assassini. Per ora non ci sono sate rivendicazioni

tre doppiatrici uccise in afghanistan

Base talebana in Afghanistan

AGI - Tre donne, doppiatrici di una televisione afghana, sono state uccise nella città orientale di Jalalabad. Lo hanno riferito i colleghi della loro rete televisiva.

Zalmai Latifi - il direttore di Enikass TV - ha spiegato che le tre donne sono state uccise in due attacchi separati dopo aver lasciato la stazione. "Sono tutte morte. Stavano tornando a casa dall'ufficio a piedi quando sono state colpite", ha detto Latifi, spiegando che tutte e tre lavoravano nel reparto di doppiaggio dell'emittente.

Anche Zahir Adel, un portavoce dell'ospedale provinciale di Nangarhar, ha confermato il bilancio dell'attacco. Nessun gruppo ha finora rivendicato la responsabilità degli attacchi.

Il capo della polizia di Nangarhar, Juma Gul Hemat, ha detto che un sospetto è stato preso in custodia dopo le sparatorie, ma è ancora in corso la ricerca di altri presunti assassini. "L'abbiamo arrestato mentre cercava di scappare", ha detto Hemat. "Ha ammesso le sue responsabilità. È un membro dei talebani". Un portavoce talebano ha negato il loro coinvolgimento nelle uccisioni.

Giornalisti, studiosi di religione, attivisti e giudici sono stati tutti presi di mira in una recente ondata di omicidi politici che hanno diffuso il panico in tutto l'Afghanistan e costretto molti a nascondersi o a lasciare il Paese.

Le uccisioni sono aumentate da quando i colloqui di pace sono stati lanciati l'anno scorso tra il governo e i talebani - l'ultimo tentativo di porre fine a decenni di conflitto. Afgani e americani hanno accusato i talebani per l'ondata di violenza, ma il gruppo ha respinto le accuse.

Le uccisioni arrivano mentre l'inviato speciale degli Stati Uniti in Afghanistan Zalmay Khalilzad è tornato a Kabul per incontri con i leader afghani, nel tentativo di rianimare un processo di pace in declino, mentre la violenza aumenta nel Paese stanco della guerra e la scadenza per il ritiro delle truppe statunitensi si avvicina.

È la prima volta che Khalilzad torna in Afghanistan da quando il presidente americano Joe Biden è entrato in carica a gennaio e gli ha chiesto di rimanere al suo posto.

L'amministrazione Trump, aveva incaricato l'esperto diplomatico di condurre il negoziato con i talebani, culminato nell'accordo firmato in Qatar il 29 febbraio dello scorso anno.

L'accordo stabilisce che gli Stati Uniti ritireranno tutte le truppe dall'Afghanistan entro maggio, con i talebani che promettono di non permettere che il territorio sia usato dai terroristi - l'obiettivo originale dell'invasione americana dopo gli attacchi dell'11 settembre 2001.

In tutto l'Afghanistan crescono i timori che un rapido ritiro degli Stati Uniti dal paese possa scatenare un caos ancora maggiore nel paese stanco della guerra.