AstraZeneca potrebbe essere meno efficace con la variante del Sudafrica

AstraZeneca potrebbe essere meno efficace con la variante del Sudafrica

E' quanto emerge da uno studio, anticipato dal Financial Times, svolto su 2mila pazienti. Un campione "relativamente piccolo" che impone di valutare con cautela il risultato dello studio

vaccino ft astrazeneca variante Sudafrica

© JANE BARLOW / POOL / AFP - Una dose del vaccino AstraZeneca

AGI - Il vaccino contro il Covid-19 sviluppato da AstraZeneca non sembra offrire protezione contro le malattie leggere o moderate causate dalla mutazione del nuovo coronavirus apparsa in Sudafrica. E' quanto emerge da uno studio, anticipato dal 'Financial Times', svolto su un campione di 2 mila pazienti.

Sebbene nessuno dei pazienti coinvolti nello studio sia morto o sia stato ricoverato, scrive il quotidiano della City, i risultati della ricerca, non ancora sottoposta a revisione paritaria, potrebbero far apparire più complicata la lotta alle nuove varianti del coronavirus. 

Lo studio, svolto dall'università sudafricana di Witwatersrand e dall'università di Oxford, ha coinvolto 2-026 individui negativi all'Hiv con un'età media di 31 anni, un "campione relativamente piccolo" che impone di valutare con cautela il risultato dello studio, avverte il 'Financial Times'. A metà del gruppo è stata somministrata almeno una dose del vaccino, all'altra metà almeno una dose del placebo.

Il siero AstraZeneca non è l'unico a essersi rivelato meno efficace nei confronti della variante sudafricana. La stessa criticità è emersa dai testi sui vaccini prodotti da Moderna, Pfizer/BioNTechm, Johnson&Johnson e Novavax, laddove la variante inglese non sembra mostrare una resistenza particolare ai vaccini. Una ridotta efficacia del farmaco di AstraZeneca è però particolarmente preoccupante perché ne stanno venendo prodotte miliardi di dosi non a scopo di lucro da destinare ai Paesi del terzo mondo.