Un ghiacciaio dell'Himalaya è crollato e ha causato un'inondazione in India

Un ghiacciaio dell'Himalaya è crollato e ha causato un'inondazione in India

Si teme una strage: almeno 125 persone sono state travolte dall'ondata di fango e acqua che ha distrutto due dighe in costruzione nell'Uttarakhand

ghiacciaio Himalaya crollato causato inondazione India

© AFP 
- I soccorsi dopo il crollo del ghiacciaio sull'Himalaya
 

AGI - Nel Nord dell'India si teme una strage dopo che il parziale crollo di un ghiacciaio himalayano ha causato l'improvvisa esondazione di due fiumi, l'Alaknanda e il Dhauliganga e una potente inondazione. Il bilancio provvisorio del disastro, avvenuto nel distretto di Chamoli, nello Stato di Uttarakhand, è di almeno nove morti, ma ci sono 125 dispersi, riferisce il Times of India, causati dal crollo di due centrali idroelettriche in costruzione. La polizia ha riferito che mancano all'appello decine di operai che lavoravano alla costruzione della diga di Rishiganga e a quella di Tapovan".

Diversi villaggi sono stati evacuati e la valanga ha anche distrutto ponti e strade. I soccorritori, secondo quanto riferito dal Times of India, hanno tratto in salvo 16 persone che erano rimaste intrappolate in una galleria. Il premier indiano, Narendra Modi, ha parlato di "disastro" e si è mantenuto in stretto contatto col governatore di Uttarakandh, Trivendra Rawat, con il ministro dell'Interno e i responsabili della Protezione civile.

"La buona notizia - ha twittato il governatore - è che i livelli dell'acqua dell'Alaknanda sono tornati alla normalità".

La polizia indo-tibetana e altre unità hanno inviato soccorsi, mentre l'aviazione nazionale è in allerta ed è stata chiesta l'evacuazione dei villaggi che sorgono lungo il fiume. "Si teme siano morte 100-150 persone, ha dichiarato alla Reuters Om Prakash, a capo dello Stato indiano. "Si teme che più di 50 persone che lavorano al Progetto idroelettrico Rishiganga siano morte", ha aggiunto il capo della polizia di Uttarakhand, Ashok Kumar.

I video filmati con i cellulari e diffusi dai social, mostrano l'arrivo improvviso di una grande colonna di fango e acqua attraverso il letto di un fiume, che colpisce con forza le pendici della valle e distrugge la diga in costruzione sul fiume Rishiganga. La polizia regionale ha chiesto ai residenti delle zone colpite di spostarsi in luoghi sicuri. Massima allerta anche in alcune aree del vicino stato dell'Uttar Pradesh.

Lo Stato indiano di Uttarakhand è stato negli ultimi 30 anni teatro di altri disastri naturali, come riporta il Times of India. Nel 1991, un terremoto di magnitudo 6,8 fece 768 morti e distrusse migliaia di case.

Nel 1998, una valanga travolse il piccolo villaggio di Malpa, nel distretto di Pithoragarh, uccidendo 255 persone. Nel 1999, un terremoto di magnitudo 6,8 nel distretto di Chamoli - lo stesso colpito dalle esondazioni di oggi - uccise oltre 100 persone. Nel giugno 2013, smottamenti e crolli di edifici, dopo un imprevisto anticipo di un mese delle piogge monsoniche e un aumento delle precipitazioni del 68% causò 7.000 tra morti e dispersi, molti dei quali pellegrini indù in visita ad alcuni dei luoghi piu' importanti per questa religione, tra cui la sorgente del sacro fiume Gange.