Non solo Covid, l'Africa continua a fare i conti con la lebbra

Non solo Covid, l'Africa continua a fare i conti con la lebbra

La malattia colpisce ancora una persona ogni tre minuti, più di 200 mila casi nel mondo, inclusi 15 mila bambini

covid e lebbra piaga africa

Ospedale africano (Afp) 

AGI - “Il covid-19 non deve farci dimenticare la piaga della lebbra e delle fragili popolazioni”. Il monito è il titolo di un articolo pubblicato oggi, Giornata internazionale dei malati di lebbra, sul principale quotidiano francese Le Monde, da Christian Johnson, consulente medico della Fondazione Raoul Follereau e presidente della International Leprosy Association.

“In un momento in cui la pandemia di Covid-19 sta sconvolgendo le nostre società e la nostra vita quotidiana, non dobbiamo dimenticare tutte le altre malattie! Questa crisi sanitaria globale dovrebbe permetterci di capire, e anche sentire, ciò che i malati di lebbra sperimentano, e spesso indifferentemente per decenni, di fronte alla paura della contaminazione, dell'isolamento e della malattia ... ma anche di misurare le conseguenze che ha sulle popolazioni fragili”, scrive il dottor Johnson.  

Presente in più di 120 paesi, la lebbra continua a essere trasmessa. Recentemente, il bacillo Mycobacterium leprae, responsabile della malattia, è stato scoperto negli scimpanzé in due Paesi africani, in Costa d'Avorio e in Guinea-Bissau.

“I Paesi più vulnerabili e più poveri stanno ora pagando un prezzo pesante per questa continua crisi. Come ci si potrebbe aspettare, tutte le risorse già prosciugate di queste nazioni sono state mobilitate e reindirizzate per affrontare questa crisi sanitaria. Sono state messe in atto misure di contenimento e restrizioni per contenere la diffusione della pandemia. Tuttavia, in assenza di un sistema di protezione sociale, come avviene nella maggior parte di questi Paesi, queste misure, sebbene necessarie, hanno conseguenze sfortunate per i più vulnerabili e i più poveri, in questo caso le persone con malattie tropicali trascurate come la lebbra”. 

La lebbra colpisce ancora una persona ogni tre minuti, più di 200 mila persone nel mondo, inclusi 15.000 bambini. Se non trattata in tempo, provoca paralisi e mutilazioni degli arti oltre a danni agli occhi che possono portare alla cecità. Nel 2019 sono stati rilevati 11.000 nuovi casi di lebbra con disabilità agli occhi, alle mani o ai piedi. Questi nuovi casi rilevati si aggiungono ai 3 milioni di persone che hanno già disabilità irreversibili a causa di questa malattia.

Oltre all'India, il Paese più colpito, è diffuso nell'Africa francofona e in Madagascar dove colpisce popolazioni che vivono in condizioni di estrema povertà, spesso in zone rurali e lontane dalle strutture sanitarie. In questo Paese vengono rilevati più di 1.600 nuovi casi ogni anno e questi numeri rappresentano solo la punta dell'iceberg a causa della sotto-rilevazione dei casi.

Sebbene a oggi non esista alcun vaccino, un trattamento che combina tre antibiotici (Dapsone, Rifampicina e Clofazimina), chiamato polichemioterapia (Mdt) e raccomandato dall'Organizzazione mondiale della sanità, consente di trattare le diverse forme della malattia. È tuttavia necessario che le persone affette da questa malattia vi abbiano un rapido accesso. Questo è il motivo per cui le Ong, come la Fondazione Raoul Follereau o l'Ordine di Malta, hanno investito nella lotta contro la lebbra, insistendo sul miglioramento della diagnosi precoce. Una lotta tutt'altro che facile - secondo Allo Docteurs Africa - in un momento in cui la maggior parte dei lebbrosi in Africa preferisce ricorrere alla medicina tradizionale.