Pisano chiede alle compagnie telefoniche di rendere le videochiamate gratis il 24 e il 25

Pisano chiede alle compagnie telefoniche di rendere le videochiamate gratis il 24 e il 25

La ministra dell'Innovazione chiede alle aziende "un segno incoraggiante per la coesione della nostra comunità nazionale"

videochiamate gratuite natale pisano

© AGF  - Paola Pisano

AGI - Un appello alle compagnie telefoniche per non far pagare le video chiamate nelle giornate del 24 e 25 dicembre è stato rivolto dalla ministra per l'innovazione la tecnologica e la digitalizzazione, Paola Pisano. "Rivolgo un appello alle compagnie telefoniche e del settore digitale - ha detto la ministra Pisano nel corso di una intervista al Tg1 - affinché agevolino l'uso dei canali digitali di comunicazione . Se per la vigilia e per Natale lo renderanno gratuito per molti, in quella serata e nel giorno dopo, potrà risultare più semplice essere in collegamento anche con le persone care che sono distanti".

"In considerazione delle restrizioni nella circolazione dovute alla necessità di contrastare la diffusione del Covid-19 e alle difficoltà economiche determinate dalla pandemia - ha sottolineato la ministra - rivolgo un appello alle compagnie telefoniche e del settore digitale affinché agevolino l'uso di canali digitali di comunicazione durante la serata della vigilia e almeno parte della giornata di Natale: se possibile lo rendessero gratuito".

"Potersi trovare fisicamente distanti dalle persone a noi più care - ha aggiunto - familiari, amici, persone con le quali si hanno legami affettivi, non deve significare necessariamente impossibilità di comunicare e di trascorrere insieme una serata che negli anni scorsi si era abituati a trascorrere vicini".

"Nel pieno rispetto della libera autonomia delle imprese, mi auguro risposte che contribuiscano a dare un segno incoraggiante per la coesione della nostra comunità nazionale - ha concluso - e per la massima serenità possibile di una festività particolarmente importante per tradizione per noi italiani e per le persone che vivono nel nostro Paese".