Biden presenta la sua squadra "per guidare il mondo"

Biden presenta la sua squadra "per guidare il mondo"

Verrà definitivamente smantellato il modello "America First" dell'uscente Donald Trump per fare posto a un'America leader nel mondo. Nel team seai persone, due donne e quattro uomini 

binden squadra casa bianca 

Joe Biden

AGI - "L'America è tornata". Così il presidente eletto degli Stati Uniti, Joe Biden, riassume lo spirito della sua squadra che avrà a che fare con il mondo. Verrà definitivamente smantellato il modello "America First" dell'uscente Donald Trump per fare posto a un'America leader nel mondo. Il team dei sei, due donne e quattro uomini, che ha scelto per essere i suoi principali diplomatici e consiglieri dell'intelligence ha confermato all'unisono la volontà del "ritorno al multilateralismo, alla cooperazione globale e alla lotta ai cambiamenti climatici" dopo quattro anni di politiche isolazioniste di Trump.

"È una squadra che manterrà il nostro Paese e il nostro popolo al sicuro", ha detto Biden presentando le sue nomine per il segretario di Stato, il consigliere per la sicurezza nazionale, il capo dell'intelligence, il segretario alla Sicurezza nazionale, l'ambasciatore americano all'Onu e l'inviato speciale per il clima. "È una squadra che riflette il fatto che l'America sia tornata. Pronta a guidare il mondo, non a ritirarsi da esso", ha insistito Biden.

Antony Blinken, nominato segretario di Stato, ha promesso di perseguire la cooperazione in tutto il mondo, affermando che gli Stati Uniti non possono risolvere i problemi globali da soli. "Dobbiamo procedere con la stessa misura di umiltà e fiducia", ha affermato il probabile successore di Mike Pompeo. "Come ha detto il presidente eletto, non possiamo risolvere tutti i problemi del mondo da soli. Dobbiamo lavorare con altri Paesi, abbiamo bisogno della loro cooperazione e della loro collaborazione", ha aggiunto.

Linda Thomas-Greenfield, afro-americana voluta da Biden per rappresentare gli Stati Uniti all'Onu, ha fatto eco a questi sentimenti. "Voglio dirvi: l'America è tornata. Il multilateralismo è tornato. La diplomazia è tornata", ha spiegato. "Le sfide che dobbiamo affrontare, una pandemia mondiale, un'economia globale, la crisi del cambiamento climatico, la migrazione di massa e la povertà estrema, la giustizia sociale, sono inesorabili e interconnesse, ma non sono irrisolvibili se l'America apre la strada", ha aggiunto.

L'ex segretario di Stato, John Kerry, che Biden ha scelto come inviato speciale per il cambiamento climatico, ha confermato che la nuova amministrazione riporterà gli Stati Uniti nell'accordo sul clima di Parigi dopo il ritiro di Trump. Ma Kerry ha anche avvertito che il patto di Parigi, che aveva contribuito a negoziare, non è sufficiente per combattere il riscaldamento globale e ha esortato l'Onu a fare di più.

L'ex vice di Barack Obama si è detto inoltre "orgoglioso" di presentare Alejandro Mayorkas, di origine cubana, a segretario per la sicurezza interna. "Per la prima volta il Dipartimento sarà guidato da un immigrato, un latino, che sa che siamo una nazione di leggi e valori", ha commentato. Avril Haines sarà capo dell'intelligence nazionale, prima donna a ricoprire l'incarico, e Jake Sullivan sarà consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, "uno dei più giovani nella storia del Paese".