Nel mondo comincia a scarseggiare l'idrossiclorochina usata per il Covid

Nel mondo comincia a scarseggiare l'idrossiclorochina usata per il Covid

Il farmaco antimalarico è diminuita drasticamente in Africa, Sud-est asiatico, nelle Americhe e in Europa, dopo che la sostanza era stata pubblicizzata come potenziale trattamento anti SarsCov-2

allarme carenza idrossiclorochina nel mondo

Idrossiclorochina

AGI - La disponibilità dell'idrossiclorochina, un farmaco antimalarico, è diminuita drasticamente in Africa, Sud-est asiatico, nelle Americhe e in Europa, dopo che la sostanza era stata pubblicizzata come potenziale trattamento per Covid-19. Questi i risultati, discussi durante la conferenza dell'American College of Rheumatology, di uno studio condotto dagli esperti del McMaster Centre for Transfusion Research (MCTR), che hanno analizzato gli effetti degli antimalarici sull'infezione da Covid-19 e l'impatto della carenza di farmaci sulle persone con malattie reumatiche.

"I pazienti affetti da malaria - commenta Emily Sirotich del MCTR - hanno avuto problemi nel reperire i medicinali antimalarici, e pertanto sono stati osservati peggioramenti nelle loro condizioni di salute fisica e mentale".

L'esperta riporta l'esempio del lupus eritematoso sistemico, chiamato anche lupus, o LES, una malattia cronica che provoca un'infiammazione sistemica in grado di compromettere diversi organi, pelle, reni, articolazioni, pleura, pericardio o cervello, i cui sintomi, che includono febbre, stanchezza o perdita di peso, possono essere contrastati con i farmaci antimalarici.

"Nelle prime settimane - osserva la ricercatrice - l'idrossiclorochina e la clorochina, medicinali antimalarici, sono stati promossi come trattamento per Covid-19, nonostante la mancanza di dati a riguardo, il che ha portato a una carenza a livello mondiale delle due sostanze".

Il team aveva l'obiettivo di valutare la prevalenza e l'impatto della carenza di farmaci durante l'epidemia. I dati sono stati ottenuti dal Covid-19 Global Rheumatology Alliance Patient Experience Survey, un sondaggio distribuito online tramite organizzazioni di supporto ai pazienti e social media. "Delle 9.393 persone che hanno risposto al sondaggio - riporta la scienziata - 3.872 stavano assumendo farmaci antimalarici e 230 hanno affermato di non essere in grado di continuare a prendere i farmaci a causa della mancanza di fornitura. Il 26,7 percento dei partecipanti in Africa e il 21,4 nel sud-est asiatico, così come il 6,8 nelle Americhe e il 2,1 percento di pazienti europei hanno riferito l'inadeguatezza delle scorte". Lo studio ha mostrato tassi di infezione simili tra chi poteva assumere farmaci e chi non aveva tale possibilità.

"28 pazienti Covid-19 - continua Sirotich - che stavano assumendo anche antimalarici, sono stati ospedalizzati. Chi non è riuscito ad assumere le prescrizioni antimalariche ha sperimentato conseguenze salutari e sintomi di salute mentale e fisica peggiore". Il gruppo di ricerca sottolinea le conseguenze dannose del riutilizzo di antimalarici sui pazienti che fanno affidamento sull'accesso alle prescrizioni di idrossiclorochina o clorochina.

"È necessario mantenere il rigore scientifico anche nel contesto di una pandemia e riconoscere i potenziali impatti della carenza di farmaci - conclude Sirotich - è importante affrontare le disparità regionali nell'accesso ai farmaci, per garantire che tutte le persone, in particolare chi abita in regioni e paesi in via di sviluppo, abbiano la possibilità di accedere e ricevere le medicine essenziali per il mantenimento delle loro condizioni di salute".