Coronavirus, Parigi verso la massima allerta a partire da lunedì

Coronavirus, Parigi verso la massima allerta a partire da lunedì

La capitale e la sua periferia interna hanno "superato le tre soglie che possono corrispondere alla zona di massima allerta", ha detto il ministro della Salute, Olivier Veran, in conferenza stampa 

coronavirus parigi francia massima allerta

©
LUDOVIC MARIN / AFP - Ministro della Salute francese, Olivier Veran

AGI -  Impennata di contagi a livello nazionale, 14 mila in nuovi casi di oggi, superata la soglia dei 32.000 morti, la Francia vede crescere la difficolta' di contenere il Covid-19. E dopo Marsiglia e Guadalupe, anche la capitale potrebbe essere proclamata zona di massima allerta. Ovvero chiudere di nuovo bar, ristoranti e attività non essenziali. Bar e ristoranti che già ora devono chiudere alle 22.

I numeri di Parigi, ha detto il ministro della Salute Olivier Veran, diventano preoccupanti per le autorità sanitarie. La capitale sta già spuntando tutte le caselle per passare a una "zona di massima allerta".

Le soglie dei tre indicatori-chiave sono infatti superate: il tasso di incidenza raggiunge i 263 casi per 100.000 abitanti in sette giorni, e il tasso per le persone di 60-69 anni e' di 133 casi, secondo un rapporto inviato oggi dall'ARS Ile-de-France. Inoltre, il 34% dei 1200 posti letto disponibili per la terapia intensiva sono occupati nella regione.

"Stiamo osservando questo superamento delle soglie solo da poche ore", ha spiegato il ministro. Dobbiamo verificarlo nei prossimi giorni, ma se questo dovesse essere confermato, non avremmo altra scelta che mettere Parigi e la periferia interna in una zona di massima allerta". La decisione verrà presa domenica.

Potrebbe diventare necessario limitare "drasticamente" le interazioni sociali, avverte il ministro: "Basta con le feste in famiglia. Basta con le feste. Chiusura totale dei bar". Tuttavia, è stato meno categorico riguardo ai ristoranti che, dopo essersi consultati con i rappresentanti del settore, potrebbero rimanere aperti "con regole sanitarie rafforzate".

Queste misure potrebbero applicarsi a tutti i territori della "zona di massima allerta", compresa Marsiglia, ha detto Veran, assicurando che non ci sarà "nessun trattamento differenziale" tra la capitale e la Citè phocéenne.

La situazione potrebbe diventare piu' complicata anche per cinque città che dal 23 settembre sono state collocate in "zone di allerta". A Lille, Lione, Grenoble, Tolosa e Saint-Etienne, la situazione sta peggiorando, il ministro ha avvertito: "Potremmo essere condotti la prossima settimana a mettere questi territori in una zona di massima allerta". Con tutte le restrizioni che ciò comporta.