Lascia il commissario al Commercio Ue per il Golf-gate

Lascia il commissario al Commercio Ue per il Golf-gate

L'irlandesePhil Hogan era accusato di aver violato le misure anti Covid partecipando a una cena in un circolo di golf.

lascia commissario commercio ue Golf-gate

 Commissario europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale European Phil Hogan - afp

AGI - La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha accettato le dimissioni presentate dal commissario irlandese al Commercio Phil Hogan finito al centro di una turbolenta polemica per la violazione delle norme sanitarie contro il coronavirus. Hogan aveva partecipato a un'affollata cena in un golf club, costata già l'incarico al ministro dell'Agricoltura irlandese, Dara Calleary.

Le parole di Von der Leyen

"Il commissario Phil Hogan si è dimesso. Rispetto la sua decisione. Gli sono molto grata per il suo lavoro instancabile come commissario per il commercio dall'inizio di questo mandato e per il suo incarico di successo come commissario responsabile per l'agricoltura nella precedente", ha dichiarato Von der Leyen aggiungendo che Hogan "era un membro stimato e rispettato della Commissione" e augurandogli "tutto il meglio per il futuro".

L'annuncio di Hogan

Hogan aveva annunciato pochi minuti prima di essersi dimesso dopo le polemiche in cui era stato coinvolto per aver partecipato mercoledì a una cena nel suo Paese in un club di golf che non rispettava le misure sanitarie contro il Covid-19. Il 60enne esponente  dei popolari del Fine Gael ha sottolineato che "è apparso sempre più chiaro" che la controversia sulla sua recente visita in Irlanda "stava diventando una distrazione dal mio lavoro di commissario dell'Ue e avrebbe minato il mio lavoro nei mesi chiave a venire".

Regole violate

Hogan in precedenza si era scusato e aveva offerto un'ampia spiegazione a Von der Leyen sulla sua partecipazione a una controversa cena organizzata mercoledì scorso in un hotel a Galway dal golf club Oireachtas (Parlamento irlandese), in cui sono state violate le regole di contrasto al coronavirus perché c'erano più di 80 persone. Inoltre, durante la sua permanenza in Irlanda ad agosto, Hogan si era spostato tra le contee in cui era stato decretato il lockdown ed era stato fermato dalla polizia al volante mentre utilizzava il cellulare.