Al via in Afghanistan la liberazione di 400 prigionieri talebani

Al via in Afghanistan la liberazione di 400 prigionieri talebani

Era l'ultimo ostacolo nei negoziati. Monito del presidente Ghani: "Paghiamo un caro prezzo per la pace".

afghanistan liberazione prigionieri talebani

© Afp - Afghanistan - prigionieri talebani vicini alla liberazione

AGI - Le autoritè afghane hanno avviato la liberazione di 400 prigionieri talebani, l'ultimo ostacolo nei negoziati di pace a lungo ritardati tra le due parti in guerra, anche se il presidente Ashraf Ghani ha avvertito che i quattrocento detenuti rappresentano un "pericolo per il mondo". Il governo afghano e i talebani si incontreranno pochi giorni dopo il completamento del rilascio dei prigionieri, con una mossa che ha suscitato una condanna diffusa dopo che è emerso che molti dei detenuti erano coinvolti in attacchi che hanno ucciso decine di afghani e stranieri.

La pace ha un costo e con questo comunicato "stiamo pagando la rata più grande, il che significa che la pace avrà delle conseguenze", ha avvertito il presidente afghano durante una videoconferenza organizzata da un centro di analisi di Washington specializzato in relazioni estere. Il rilascio di "criminali incalliti" e trafficanti di droga "potrebbe rappresentare un pericolo per noi, per gli Stati Uniti e per il mondo", ha aggiunto.

Un gruppo di 80 prigionieri è stato rilasciato ieri, ha detto il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale, Javid Faisal. La mossa "accelera gli sforzi per colloqui diretti e un cessate il fuoco duraturo a livello nazionale", ha twittato.