I russi approvano la nuova Costituzione, per Putin il traguardo è il 2036

I russi approvano la nuova Costituzione, per Putin il traguardo è il 2036

I dati parziali dello spoglio danno il sì oltre il 77%. Il presidente potrà ricandidarsi al Cremlino per altri 16 anni

Russi votano riforma Costituzione

© Afp - Putin, parata della Vittoria

AGI - Tra proteste accennate, contagi poco inferiori alla soglia dei 7 mila casi al giorno e la preoccupazione per le condizioni economiche del Paese quando si faranno sentire i contraccolpi della crisi causata dal Covid-19, i russi hanno votato per la riforma della Costituzione con cui si consolida il putinismo, il sistema di potere fortemente centralizzato nelle mani del presidente e con alla base un'ideologia ispirata al patriottismo e ai valori conservatori.

I risultati preliminari della sette giorni di votazioni - tenutesi online, a casa, all'aperto e in seggi tradizionali e mobili per evitare assembramenti ma anche per incoraggiare l'affluenza - fissano al 73,5% il sì col 26,5% delle schede scrutinate. Il voto, che doveva tenersi lo scorso 22 aprile, è stato posticipato per via della pandemia, ma il Cremlino non poteva aspettare oltre: troppo alto il rischio che in autunno le conseguenze della crisi potessero erodere ulteriormente il consenso di Putin, già in calo per una serie di motivi tra cui anche la gestione della crisi sanitaria. Cuore del pacchetto di emendamenti è l'azzeramento dei mandati presidenziali di Putin, che formalmente risolve - ma solo rimandandolo - il 'dilemma della successione', su cui si arrovellava il Paese in vista del 2024, quando il vincolo costituzionale dei due mandati consecutivi non avrebbe piu' permesso all'ex agente del Kgb di candidarsi al Cremlino.

Le altre modifiche 'politiche' conferiscono al presidente un maggiore controllo sull'esecutivo, riaffermano la preminenza della legge russa sul diritto internazionale, rendono irreversibile l'annessione della Crimea e trasformano il Consiglio di Stato in un organo costituzionale. Sono mimetizzate da una cornice di emendamenti 'populisti' come l'indicizzazione delle pensioni almeno una volta l'anno, il salario minimo al pari o al di sopra del costo della vita, l'introduzione della "fede in Dio" come fondamento dello Stato e la definizione del matrimonio come unione tra uomo e donna. Per incentivare i russi a recarsi a votare, seguendo una pratica di stampo sovietico, il Comune di Mosca ha lanciato un programma di 'premi' con due milioni di voucher da regalare agli elettori per l'acquisto di beni e servizi fino alla fine del 2020, spiegandola come un'iniziativa per "stimolare i consumi".

Stessa cosa anche in altre regioni, dove i governatori locali hanno messo in palio auto o sconti al ristorante. Numerose le segnalazioni, come peraltro succede in tutte le consultazioni in Russia, di pressioni sui dipendenti della pubblica amministrazione e delle grandi holding di Stato perché si esprimessero per il sì. L'oppositore Aleksei Navalny aveva invitato al boicottaggio del voto e diversi osservatori indipendenti hanno denunciato violazioni e brogli, liquidate dal Cremlino come "fake news". Non sono mancate le proteste, nonostante i divieti di assembramento: circa 300 persone si sono radunate a Mosca in Piazza Pushkin sotto lo slogan "No a Putin eterno". Altra forma di dissenso, sui social, e' stata quella di postare le foto della propria scheda con barrata la casella 'no'. In mattinata, invece, la polizia aveva fermato sulla Piazza Rossa otto attivisti che avevano disegnato a terra coi propri corpi il numero 2036, il termine ultimo a cui arriverà ora la possibilità di Vladimir Vladimirovich di rimanere al Cremlino.