Mosca paragona al caso Floyd le sanzioni Usa a Teheran

Mosca paragona al caso Floyd le sanzioni Usa a Teheran

Il segretario di Stato americano Pompeo preme sull'Onu perché venga esteso l'embargo sulle armi all'Iran. Per la Russia, invece, è come "mettere un ginocchio" sul collo del Paese

mosca paragona sanzioni teheran usa caso floyd

© NANCY SIESEL / SPUTNIK VIA AFP - Vassily Nebenzia

AGI - Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha fatto pressioni sul Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite perché venga esteso l'embargo sulle armi all'Iran prima della sua scadenza in ottobre. La Russia ha respinto la politica di Washington verso Teheran paragonandola al "mettere un ginocchio" sul collo del Paese.

Gli Stati Uniti hanno diffuso un progetto di risoluzione al Consiglio di 15 membri che estenderebbe indefinitamente l'embargo sulle armi a Teheran, ma Russia e Cina, che godono del potere di veto, hanno già segnalato la loro opposizione alla mossa. "Non limitarti a sentire gli Stati Uniti, ascolta i Paesi della regione. Da Israele al Golfo, i Paesi del Medio Oriente - i più esposti alle attività predatorie dell'Iran - parlano con una sola voce: estendere l'embargo sulle armi", ha detto Pompeo in una riunione del Consiglio di sicurezza svolta virtualmente.

L'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha a lungo sostenuto che l'embargo sulle armi all'Iran non dovrebbe essere revocato. L'embargo sulle armi scadrà a metà ottobre. Da quando Trump è entrato in carica nel 2017, la sua amministrazione ha abbandonato l'accordo sul nucleare iraniano e ha costantemente aumentato le sanzioni contro l'Iran in quello che Washington definisce un approccio di massima pressione.

Rivolgendosi al consiglio, l'ambasciatore della Russia presso l'ONU Vassily Nebenzia ha descritto la politica statunitense come "una politica di massimo soffocamento". "Il compito è realizzare un cambio di regime o creare una situazione in cui l'Iran non sia letteralmente in grado di respirare. È come mettere un ginocchio al collo ", ha detto con un riferimento alla morte di George Floyd che ha scatenato proteste negli Stati Uniti e in tutto il mondo.