Melania, la musa di Trump decisa e con intuito

Melania, la musa di Trump decisa e con intuito

La first lady è la protagonista del libro del momento in Usa. Una donna confinata in un volontario auto-esilio, con un "affascinante istinto politico", dice l'ex consigliere del presidente

Melania musa trump decisa istinto libro

©

RHONA WISE / AFP - Melania Trump (AFP)

AGI - Bella, luminosa, alta, elegante, ma anche una sfinge che nasconde tutti i suoi sentimenti dentro i contorni del viso da eterna modella. Melania Knauss Trump è la protagonista del libro del momento in Usa, "The Art of Her Deal", scritto dalla reporter del Washington Post e premio Pulitzer, Mary Jordan. È il ritratto della donna che i servizi di Intelligence del presidente chiamano "La Musa", la silenziosa ispiratrice di Donald Trump, conosciuto a un ricevimento a Manhattan nel '98 e sposato sette anni dopo. Il matrimonio è il primo passaggio chiave per entrare nel mondo di Melania, perchè mostra cosa ci sia dietro una donna nata in Slovenia, per anni modella a Milano, Parigi e New York, e infine affascinante First Lady d'America. Gli avvocati delle due parti lavorarono per un mese alla stesura del "contratto matrimoniale", fissando ogni passaggio della vita pubblica e privata.

Le clausole sono top secret, ma alla vigilia della discesa in campo di Trump nel 2016 per le presidenziali, Melania ha voluto rinegoziare ogni dettaglio e questo meticoloso lavoro legale è stato tra le cause che hanno poi ritardato il suo ingresso alla Casa Bianca, avvenuto sei mesi dopo il marito. Anche se c'era l'intenzione di far finire al loro figlio, Barron, l'anno scolastico a New York, Melania avrebbe chiesto e ottenuto dal marito il riconoscimento del figlio come erede al pari dei figli di Trump nati dal primo matrimonio, con Ivanka.

La narrazione ufficiale si è concentrata sempre sui piccoli cortocircuiti di coppia tra Melania e Donald, lei 50 anni, lui 74: le rare volte in cui marito e moglie si tengono mano per mano nelle cerimonie ufficiali, i baci formali limitati alle guance, lui che le chiede di sorridere ai fotografi e Melania che risponde con una smorfia appena accennata. Dormono in camere separate, lui affascinato dai colori scuri, lei da quelli pastello. Tra i misteri della "Sfinge" nata il 26 aprile del '70, da padre meccanico e madre sarta, c'è anche l'eterna domanda che insegue ogni celebrita': si è sottoposta a chirurgia estetica? Testimoni raccontano nel libro di averla vista tornare, nel '97, da un viaggio in Europa "botulinizzata".

Chi la conosce bene, la descrive come una donna molto determinata, con grande disciplina, che voleva fare la modella da giovanissima: sin da ragazza, quando non beveva alcolici, amava frutta (sette porzioni al giorno) e faceva lunghe camminate con pesi agganciati alle caviglie per tonificare i muscoli dei polpacci. Melania è molto ascoltata dal presidente. "Ha un affascinante istinto politico", dice di lei il commentatore politico Corey Lewandosky. "Non c'è niente di stupido in Melania", aggiunge l'ex consigliere di Trump, Roger Stone. "Fa sempre in modo che il presidente sappia cosa lei pensa di un certo tema", confessa Sean Spicer, ex portavoce della Casa Bianca. Sarebbe stata lei a convincere il marito a candidarsi alla presidenza, lei a consigliargli Mike Pence come vice e sempre Melania a fargli lasciare la linea della "tolleranza zero" che aveva portato alla separazione dai genitori migliaia di bambini al confine con il Messico.

Ma la First Lady non è sempre stata la moderata di famiglia: lei ha spinto per attaccare Barack Obama, e sempre lei ha messo in dubbio l'integrità delle donne che accusavano il marito di molestie sessuali. È una donna confinata in un volontario auto-esilio, che dedica molto tempo al figlio e ai suoi genitori. Barron parla sloveno e, come la madre, ha la doppia cittadinanza, e l'obiettivo di emergere nello studio, seguendo un percorso migliore della madre, entrata nel prestigioso programma di architettura dell'Universita' di Lubiana, ma andata via quasi subito per seguire il suo destino oltre oceano. Dalle biografie ufficiali, risulta parlare 5 lingue in maniera fluente, invece probabilmente parla solo inglese e sloveno.