Trump potrebbe ridare i fondi all'Oms, ma meno di prima

Trump potrebbe ridare i fondi all'Oms, ma meno di prima

La Cina ha un debito enorme con tutto il mondo e può iniziare pagando la sua giusta quota, si legge in una bozza di lettera che il presidente Usa potrebbe inviare presto all'organizzazione

Trump fondi Oms ridotti

 Organizzazione Mondiale della Sanita' Oms Ginevra (Afp)

Il presidente americano Donald Trump sarebbe pronto a riprendere l'erogazione di fondi all'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), sospesi dopo l'accusa di atteggiamento troppo filo-cinese, ma in misura molto minore rispetto a prima.

Lo ha riferito la FoxNews, precisando che secondo una bozza di lettera indirizzata al direttore generale dell'organizzazione Tedros Adhanom Ghebreyesus, ottenuta dal programma 'Tucker Carlson Tonight', l'amministrazione americana "accetterà di pagare fino a quanto versato dalla Cina in contributi". Finora gli Usa erano i più grandi donatori dell'Oms, con 400 milioni all'anno, ma se decidessero di allinearsi con i fondi dati dalla Cina, il finanziamento verrebbe ridotto a un decimo, ha sottolineato l'emittente.

"Nonostante i difetti, credo che l'Oms abbia ancora un enorme potenziale e voglio vederla all'altezza di questo potenziale, in particolare in ora durante questa crisi globale", si legge nella bozza della missiva, sembra scritta a nome di Trump. "Ecco perché ho deciso che gli Stati Uniti continueranno a collaborare e lavorare con l'Organizzazione mondiale della sanità", si aggiunge, sottolineando che "la Cina ha un debito enorme con tutto il mondo e può iniziare pagando la sua giusta quota all'Oms".

"Se la Cina aumenta i suoi finanziamenti, prenderemo in considerazione di corrispondere tali aumenti", conclude la lettera.