Attacco del Wall Street Journal all'Oms: è asservita a Pechino

Attacco del Wall Street Journal all'Oms: è asservita a Pechino

Secondo il quotidiano, che ricostruisce i ritardi dell'agenzia Onu nell'annunciare la crisi, gran parte dei fallimenti dell'Oms sono da ricondurre al suo responsabile, Tedros Adhanom Ghebreyesus

Coronavirus: WSJ Oms asservita a Pechino

Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) 

Riformare l'Organizzazione Mondiale della Sanità oppure smettere di finanziarla: è la severa sanzione del Wall Street Journal all'agenzia Onu, colpevole di essersi "piegata" alla linea dettata da Pechino nel rispondere all'emergenza coronavirus e così facendo però "ha messo in crisi la risposta globale alla pandemia". In un lungo editoriale, il 'board' direttivo del quotidiano sostiene che "si può già dire cosa fare per garantire che, in futuro, le pandemie siano meno letali: intervenire appunto sull'organizzazione.

Secondo il quotidiano, che ricostruisce i ritardi dell'agenzia Onu nell'annunciare la crisi, gran parte dei fallimenti dell'Oms sono da ricondurre al suo responsabile, Tedros Adhanom Ghebreyesus: "È un politico, non un medico", ricorda, è stato ministro in un governo autocrate come quello etiope e ha pure pensato di nominare il dittatore dello Zimbabwe, Robert Mugabe, come 'ambasciatore di buona volonta'' dell'organizzazione.

Per il quotidiano "l'Oms risente inevitabilmente della maggiore influenza internazionale della Cina man mano che la sua economia cresce", un'influenza "organizzata e coerente" mentre quella degli Stati Uniti è "episodica". Washington deve reagire, è l'esortazione, e troverà alleati" sostiene "nel Giappone "dove un vicepremier ha definito l'Oms 'l'organizzazione cinese della sanità' e anche in Boris Johnson". Ma "se l'Oms è la linea Maginot politicizzata contro le pandemie, allora è peggio che inutile e non dovrebbe più ricevere finanziamenti statunitensi".