Il Galles dà il via libera all'aborto in casa

Il Galles dà il via libera all'aborto in casa

La misura riguarda la cosiddetta pillola del giorno dopo. L'ok del Royal College degli Ostetrici e ginecologi, è legato al timore di un ricorso all'aborto illegale in caso di mancato accesso ai servizi abituali

Coronavirus Galles aborto casa


Per evitare il contagio da Covid-19 in ospedale o in clinica, in Galles il governo e la comunita' medica hanno dato il via libera all'aborto in casa. Lo riferisce la Bbc, riportando le consegne sanitarie ufficiali per procedere all'aborto medico, che prevede l'assunzione di due pillole lo stesso giorno o due in giorni diversi. "Mentre affrontiamo la crisi del Covid-19 la sicurezza pubblica e' la nostra priorita' numero uno", ha dichiarato il ministro della Salute Vaughan Gething, precisando che l'autorizzazione all'aborto a domicilio "e' una misura temporanea per garantire che le donne possano continuare ad accedere a questi servizi chiave senza essere esposte a rischi inutili durante questi tempi difficili".

Il via libera del governo e' giunto dopo l'ok del Royal College degli Ostetrici e ginecologi, che teme il ricorso all'aborto illegale in caso di mancato accesso ai servizi abituali. Ragazze e donne che intendono procedere all'interruzione di gravidanza entro la nona settimana di gestazione avranno accesso a due cure farmacologiche tramite prescrizione medica telefonica. Potranno farsi prescrivere sia il 'mifepristone', pillola solitamente assunta presso una clinica registrata, che il 'misoprostol', la cosiddetta pillola del giorno dopo da prendere a domicilio 24-48 ore dopo il rapporto sessuale. Una decisione simile e' stata varata in Inghilterra poche ore prima.