La Spagna impreparata di fronte all'epidemia

La Spagna impreparata di fronte all'epidemia

Oltre duemila contagi ma ospedali senza mascherine. Il governo annuncia un piano straordinario

Coronavirus Spagna contagi morti situazione

© Burak Akbulut/Anadolu - Passanti con mascherina protettiva a Madrid

La Spagna si rassegna: l'emergenza del nuovo coronavirus è arrivata e durerà tra i due e i cinque mesi. Se tutte le misure adottate avessero pieno successo l'epidemia potrebbe essere sotto controllo entro metà maggio, ha spiegato il direttore del Centro di coordinamento per le emergenze sanitarie, Fernando Simòn, "nello scenario peggiore potrebbero volerci quattro o cinque mesi". "Siamo in una situazione molto diversa rispetto solo a pochi giorni fa", ha confermato.

E i numeri dei contagi cominciano a fare paura: sono già stati raggiunti 2.152 casi positivi, metà dei quali nella Comunidad di Madrid e 50 morti (31 nella capitale). Sebbene la crescita dei casi rispetto a ieri (poco più di 300) sia simile a quella che si è verificata tra lunedì e martedì, Simón ha riconosciuto che gli ospedali di Madrid e le loro unità di terapia intensiva, poiché tante persone anziane sono state contagiate, si trovano in una situazione di sforzo importante.

A questo si aggiunge la "carenza di materiali che i professionisti stanno riscontrando". Tuttavia, sono attesi per oggi "i camion con forniture che eviteranno il rischio di una carenza imminente di dispositivi di protezione entro 2-3 giorni". "Queste forniture ci daranno un margine, non saprei dire ancora quanto, ma probabilmente abbastanza per iniziare a fornirci attrezzature dalla Cina" che ha aumentato la produzione e non ha più bisogno di così tanti, ha spiegato il rappresentante del governo.

Domani il consiglio dei ministri, in una riunione straordinaria, approverà un pacchetto di misure economiche e di lavoro per alleviare gli effetti che il piano di contenimento del coronavirus sta generando nelle famiglie e nelle aziende. Il premier, Pedro Sanchez, ha annunciato misure "forti e ponderate" per garantire il benessere delle famiglie, con aiuti per la cura dei minori e delle aziende, con linee di credito a favorire la sua liquidità.

Il governo, intanto, ha fatto appello alla responsabilità individuale e aziendale per soddisfare lo spirito delle misure che sono state prese per prevenire la diffusione della malattia "anche quando ci sono modi legali per aggirare quelle misure". Ha anche incoraggiato i genitori a prendersi cura dei bambini che non possono più frequentare scuole chiuse a Madrid, Vitoria e La Rioja. Lo stesso vale per i trasporti: "Non abbiamo chiuso alcuna autonomia ma è responsabilità individuale di tutti impedire al Covid-19 di arrivare e diffondersi in aree che non sono così colpite in questo momento", come Madrid, La Rioja, Paesi Baschi e Catalogna, che concentrano il 78% dei casi confermati.