Putin rimanda a casa 60 diplomatici (americani), presto altri 90. Cosa scrivono i giornali

La risposta di Mosca alla raffica di espulsioni di ambasciatori russi da parte di 27 Paesi. Articoli di Sole 24 Ore, RepubblicaLa Stampa, Il Post

Putin rimanda a casa 60 diplomatici (americani), presto altri 90. Cosa scrivono i giornali

L'attesa risposta di Mosca è arrivata: pochi giorni dopo la raffica di espulsioni di diplomatici russi da parte di 27 Paesi occidentali, la Russia espelle 60 funzionari americani e chiude il consolato Usa di San Pietroburgo, mentre il ministro degli Esteri Serghei Lavrov spiega che si tratta solo della prima ondata delle misure "speculari" decise dal Cremlino. Si profila una pericolosa escalation. Dagli Usa a stretto giro il dipartimento di Stato ribatte con durezza, definendo "ingiustificate" le espulsioni e avvertendo che Washington si riserva il diritto di rispondere a Mosca.

Sono 60 i diplomatici americani che dovranno lasciare entro il 5 aprile la Federazione russa, 58 dell'ambasciata Usa a Mosca e 2 del consolato di Ekaterinburg. A questi si aggiungeranno membri dei servizi diplomatici degli altri Paesi che hanno 'punito' la Russia, nello stesso numero, per un totale che si può dunque prevedere di 150. Si attende che sia ufficializzata la decisione anche nei confronti dell'Italia, che in Russia ha 36 diplomatici accreditati e da Roma ha espulso due russi. Italia che nel pomeriggio era stata ammonita: l'ambasciata russa a Roma aveva fatto sapere che Mosca considera "un gesto di inimicizia" l'allontanamento dei suoi diplomatici e che ciò crea un clima di "sfiducia" tale da pregiudicare "i positivi sviluppi della cooperazione bilaterale".

Leggi anche: Su Skripal mentono sia Londra che Mosca. Lo dicono gli scienziati che crearono il Novichok

"La nostra risposta sarà equivalente e non solo questo", ha avvertito Lavrov nel comunicare le espulsioni dei 60 americani. Della decisione russa è stato avvertito l'ambasciatore americano a Mosca, Jon Huntsman, convocato al ministero degli Esteri. "In questo preciso momento, il mio vice Sergei Ryabkov sta spiegando all'ambasciatore americano Huntsman i contenuti di queste misure di rappresaglia nei confronti degli Stati Uniti", ha sottolineato Lavrov, indicando "l'espulsione dello stesso numero dei nostri diplomatici" e la "revoca del permesso per operare al consolato americano a San Pietroburgo".

Putin rimanda a casa 60 diplomatici (americani), presto altri 90. Cosa scrivono i giornali
Sergei Lavrov (Afp) 

Il capo della diplomazia russa è poi tornato ad attaccare le "azioni assolutamente inaccettabili che sono state prese contro di noi sotto la pressione durissima degli Stati Uniti e della Gran Bretagna con il pretesto del cosiddetto caso Skripal". A questo proposito, Lavrov ha annunciato "con soddisfazione" che le autorità britanniche hanno "finalmente informato" Mosca della condizioni di salute di Yulia Skripal, la figlia dell'ex spia del Kgb, Sergei Skripal, avvelenata insieme al padre con gas nervino il 4 marzo a Salisbury, nel Regno Unito. "La giovane, ci hanno detto, sta migliorando rapidamente. E noi - ha aggiunto il ministro - chiediamo nuovamente di avere accesso a lei in quanto cittadina russa. Spero che la Gran Bretagna vorrà onorare i suoi obblighi in base alla convenzione consolare e a quella di Vienna sulle Relazioni Diplomatiche". 

Leggi anche: Perchè Salvini sul caso Skripal sta con Putin



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.