Lo chef scomparso è morto in un ostello per prostitute e tossicodipendenti

Andrea Zamperoni, 33 anni, apprezzato capo chef del Cipriani Dolci di Manhattan, era sparito sabato notte

morto chef scomparso
Andrea Zamperoni / Facebook
Andrea Zamperoni

Era stato visto l'ultima volta dal suo coinquilino sabato notte, dopo il suo ultimo turno di lavoro serale come capo chef del rinomato Cipriani Dolci al Grand Central Terminal, la storica stazione di di New York. Andrea Zamperoni, 33 anni, è stato ritrovato morto in un ostello del Queens.

La polizia di New York ha precisato di aver rinvenuto il corpo al Kamway Lodge & Tavern di Elmhurst intorno alle 20,30 di mercoledì, dopo aver risposto ad una chiamata di emergenza. La polizia sarebbe stata accolte da una donna nuda che avrebbe indicato il corpo, avvolto in una coperta. E' stato subito dichiarato morto, ma la notizia del decesso è stata confermata solo giovedì.

L'allarme per la sua scomparsa è scattato quando non si è presentato al lavoro lunedì. Il Kamway, non lontano dall'aeroporto LaGuardia, viene definito un ostello su Travelocity.com dove si può prenotare una camera per 89 dollari a notte. Secondo alcuni siti americani si tratta di un posto noto nel giro della droga e della prostituzione. La polizia ha detto che le cause della morte saranno comunicate solo al termine dell'autopsia.

Il gemello di Zamperoni, anche lui chef di Cipriani a Londra, è volato a New York per l'identificazione della salma.

Zamperoni viveva a Woodside, nel Queens. Lavorava al Grand Central Terminal da circa un anno ma era con il gruppo Cipriani dal 2008. "Abbiamo appreso, tristemente, che Andrea Zamperoni, rispettato e amato membro del team Cipriani per molti anni, scomparso da domenica, è morto", ha dichiarato in una nota la famiglia Cipriani. Colleghi e amici hanno descritto Zamperoni come un grande lavoratore, molto legato alla famiglia e molto professionale.

Aveva lavorato per Cipriani anche a Miami, Abu Dhabi e soprattutto Londra. L'anno scorso il trasferimento negli Stati Uniti, proprio nella "grande mela", sulla 74th Street a Woodside, nel Queens, per occupare il ruolo di capo chef in uno dei punti Cipriani più importanti, quello all'interno di Grand Central Terminal di Manhattan.

Con il fratello gemello tornavano spesso a Casalpusterlengo, in provincia di Lodi, dove abitano ancora madre, padre e nonna.

L'ultima traccia di Andrea sui social risale al 28 luglio, su Instragram, con la foto di un tramonto su Manhattan. Sul sito specializzato Tripadvisor il lavoro dello chef Zamperoni e' molto apprezzato e sono in molti a considerare il ristorante una vera e propria oasi italiana nel cuore del traffico della Grand Central Terminal.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.