Usa: Monsanto condannata a risarcire un giardiniere malato di cancro. È la prima volta

Dewayne Johnson sie era ammalato per un uso prolungato di un erbicida a base di glifosato. L'azienda dovrà risarcirlo con 290 milioni di dollari (ma ricorrerà in appello)

Usa: Monsanto condannata a risarcire un giardiniere malato di cancro. È la prima volta

Una giuria californiana ha ordinato al gigante chimico Monsanto di pagare quasi 290 milioni di dollari per non aver avvertito che un diserbante a base di glifosato poteva causare il cancro. I giurati hanno sentenziato all'unanimità che Monsanto agiva con "malizia" e che i suoi diserbanti hanno contribuito "sostanzialmente" alla malattia terminale di Dewayne Johnson, giardiniere che ha fatto causa.

Usa: Monsanto condannata a risarcire un giardiniere malato di cancro. È la prima volta
 Pesticidi agricoltura (pixabay)

A Johnson, californiano, è stato diagnosticato nel 2014 un linfoma non Hodgkin - un tumore che colpisce i globuli bianchi. L'uomo ha affermato di aver usato ripetutamente il diserbante mentre lavorava in una scuola a Benicia, in California. Si tratta della prima sentenza che accusa il prodotto di provocare il cancro, ma potrebbe aprire la strada a molte altre sfide legali: gli osservatori sostengono che una sconfitta della Monsanto probabilmente aprirà la porta a centinaia di altre rivendicazioni contro la compagnia, che è stata recentemente acquisita dalla tedesca Bayer.

Leggi gli articoli sulla Stampa e sul Corriere della Sera

Usa: Monsanto condannata a risarcire un giardiniere malato di cancro. È la prima volta

La causa si è basata sulle conclusioni del 2015 dell'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, che ha classificato il glifosato, ingrediente principale di Roundup, come probabile cancerogeno. Roundup è l'erbicida più usato al mondo. La Monsanto, che ha sempre negato qualsiasi legame con la malattia, ricorrerà contro la condanna. Lo ha dichiarato, in un comunicato stampa, Scott Partridge, uno dei vice presidenti della società. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it