Migranti: accordo sulla Sea Watch, sbarco nelle prossime ore

migranti sea watch malta 

Svolta nella vicenda dei 49 migranti da settimane a bordo delle navi ong Sea Watch e Sea Eye al largo delle coste maltesi. "Lo sbarco è questione di ore", ha detto in conferenza stampa il presidente di Malta, Joseph Muscat. 

Le due navi umanitarie, che hanno soccorso i migranti in mare il 22 e 29 dicembre scorso, "non attraccheranno nel porto di Malta ma ci sarà un trasferimento sulle nostre barche militari", ha proseguito.

"Ma il merito è solo di alcuni paesi europei"

Muscat ha parlato al termine dell'incontro con il primo ministro della Libia Fayez al-Sarraj nel suo ufficio a La Valletta. "Non appena si farà questo trasferimento, questione di poche ore", ha assicurato, "i migranti verrano distribuiti in altri Paesi".

La soluzione per lo sbarco e la ripartizione dei 49 "alla fine è stata trovata non dall'Europa, ma da alcuni Paesi membri dell'Unione Europea", ha voluto sottolineare ancora il premier maltese, "Posso dire che ogni ora che passava senza una soluzione non era un'ora  di cui andavo orgoglioso".

L’Europa ringrazia

"Sono felice che i nostri sforzi per fare sbarcare i migranti sulle imbarcazioni a Malta abbiano prodotto risultati” ha commentato via Twitter il commissario europeo agli affari interni, Dimitris Avramopoulos, “Esprimo le mie lodi a Malta per aver permesso questo sbarco e agli Stati membri che hanno dimostrato solidarietà attiva accettando i migranti".

Salvini condanna

Matteo Salvini intanto non si discosta dalla linea dura sui migranti. “Mentre col premier e col ministro dell’Interno polacco parliamo di protezione delle frontiere esterne dell’Europa e di sicurezza - dice Salvini - leggo che a Bruxelles fanno finta di non capire e agevolano il lavoro di scafisti e Ong. Sono e rimarrò assolutamente contrario a nuovi arrivi in italia. E continuo a lavorare per espellere i troppi clandestini già presenti sul nostro territorio. Cedere alle pressioni e alle minacce dell’Europa e delle Ong è un segnale di debolezza che gli italiani non meritano”.

 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.