"Via gli americani dall'Iraq, ma gli italiani possono restare"

Intervista del Corriere al deputato iracheno Al Assadi sul destino dette truppe straniere che per decisione del Parlamento devono lasciare il Paese

intervista deputato militari italiani iraq
AHMAD AL-RUBAYE / AFP
Militari iracheni addestrati dalle forze italiane

Il contingente italiano "può restare in Iraq col compito di addestrare i quadri dell'esercito e della polizia irachena". Lo dichiara in un'intervista al Corriere della Sera Ahmad al Assadi, deputato del Parlamento di Baghdad per la coalizione di partiti sciiti Al Fatah vicini alle milizie legate a Teheran. "Conta quasi mille soldati, è il secondo in termini numerici degli oltre settanta contingenti che forma la coalizione internazionale, tanto per importante per aiutarci a combattere i terroristi di Isis negli ultimi anni", spiega. "Più numerosi di loro sono solo gli americani" aggiunge "ma con gli italiani in linea di massima potrebbero restare tutti gli europei e altri". Per il deputato sciita, "l'importante è che se ne vadano subito gli americani". 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it