Come si uccide una spia. Così funzionano i gas nervini

Almeno quattro sono gli agenti nervini in grado di causare all'uomo quel che è accaduto all'ex spia del Kgb Sergei Skripal, avvelenato insieme alla figlia Yulia e a un poliziotto a Salisbury, in Gran Bretagna

Come si uccide una spia. Così funzionano i gas nervini
Masahiro Sugimoto / Yomiuri / The Yomiuri Shimbun 
 Agenti dell'unità di pronto intervento NBC (nucleare-Batteriologico-chimica) durante un'esercitazione

Almeno quattro sono gli agenti nervini in grado di causare all'uomo quel che è accaduto all'ex spia del Kgb Sergei Skripal, avvelenato insieme alla figlia Yulia e a un poliziotto a Salisbury, in Gran Bretagna. Ma chi può averli prodotti e utilizzati?

Una storia velenosa

Una serie di agenti nervini molto potenti, ricorda il Guardian, sono stati sviluppati dagli scienziati militari dagli anni '30 in poi e da allora sono stati utilizzati per assassini e attacchi terroristici.Il dipartimento di stato americano ha confermato di recente, ad esempio, di considerare il regime nordcoreano responsabile dell'omicidio di Kim Jong-nam, fratellastro di Kim Jong-un, all'aeroporto internazionale di Kuala Lumpur nel 2017. Secondo le autorità malesi sono state due donne a spruzzargli l'agente nervino VX sul viso.

L'uso terroristico

Negli anni '90, gli adepti della setta apocalittica di Aum Shinrikyo in Giappone usarono il VX per uccidere i dissidenti nella loro cerchia prima di rilasciare un altro agente nervino, il Sarin, nella metropolitana di Tokyo, avvelenando oltre 600 persone. Più recentemente, Sarin è stato utilizzato dal governo siriano nella guerra civile.

Gli agenti nervini non sono difficili da produrre in linea di principio, ma in pratica servono strutture specializzate e addestramento per miscelare le sostanze in modo sicuro. Le materie prime stesse sono poco costose e generalmente non difficili da ottenere, ma servono laboratori dedicati. I principali 4 agenti nervini sono Tabun, che è anche noto come GA ed è il più facile da fare, Sarin, Soman e VX.

Il Sarin

Prodotto per la prima volta nel 1938 da due scienziati nazisti durante i tentativi di sviluppare sostanze ad azione biocida, e secondo alcuni esperti utilizzato nella guerra civile siriana e da Saddam Hussein in Iraq, è un gas nervino della famiglia degli organofosfati, classificato come arma chimica di distruzione di massa. E' inodore e uccide in maniera rapidissima: una dose di 200 milligrammi può infatti causare la morte in un paio di minuti, secondo l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche. I primi sintomi sono difficoltà respiratoria e contrazione delle pupille. Segue una perdita progressiva del controllo delle funzioni corporee, spesso si verifica vomito e perdita di urina e feci.

Il VX

E' tra gli agenti nervini più potenti. Si presenta come un liquido incolore, o con colorazione tendente al giallo paglierino, inodore e di consistenza oleosa. E' dotato, secondo quanto afferma la Treccani, anche di una certa persistenza nel suolo, 2-6 giorni che possono prolungarsi anche a un mese in condizioni di tempo freddo. E' stato inventato nel Regno Unito negli anni '50 ed è per lo più assorbito attraverso la pelle e tende ad avere effetto nel giro di pochi minuti. Può anche essere trasformato in un vapore riscaldandolo, nel qual caso gli effetti sono quasi immediati. Le vittime devono essere decontaminate e le aree colpite devono essere isolate fino a quando non possono essere rese sicure.

Il Soman

​Di origine sovietica e più "maneggevole" del Sarin. E' un liquido estremamente stabile, che profuma leggermente di canfora o di frutta. E' circa 10 volte più tossico del Sarin

Il Tabun

​Primo tra i gas nervini a essere sintetizzato e la sua creazione risale al 1934 in Germania. E' un liquido limpido, inodore e incolore, solubile in acqua, dove libera acido. E', quindi, oltre che un nervino, anche un classico tossico generale.

Gli antidoti

Esistono antidoti per agenti nervini, come ossima e atropina, entrambi utilizzati in dispositivi militari che forniscono un'azione immediata per le vittime. Gli antidoti sono particolarmente efficaci contro VX e Sarin, ma devono essere somministrati subito dopo l'esposizione .

 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it