A Parigi la protesta delle ballerine. Il Lago dei cigni contro Macron

Danzatrici accompagnate dai musicisti dell'Orchestra sinfonica parigina hanno messo in scena il celebre balletto di Pyotr Tchaikovsky contro la riforma delle pensioni

Francia pensioni ballerine ​Tchaikovsky
 Ludovic Marin / AFP
Ballerine dell'Opera de Paris protestano contro la riforma Macron delle pensioni sulle note del Lago dei Cigni

Il Natale di proteste della Francia contro la riforma delle pensioni ha visto scendere in strada anche un gruppo di ballerine, che in tutù bianco hanno danzato alcune scene del Lago dei Cigni sui gradini del teatro dell'Opera di Parigi, a sostegno degli scioperi in corso. Sotto un cielo grigio, nel giorno della vigilia di Natale, circa 40 ballerine - accompagnate dai musicisti dell'Orchestra sinfonica di Parigi - hanno messo in scena il celebre balletto di Pyotr Tchaikovsky sullo sfondo di striscioni che recitavano "L'Opera di Parigi è in sciopero", "La Cultura è in pericolo".

La contestata riforma delle pensioni voluta dal presidente, Emmanuel Macron, vuole eliminare più di 40 regimi pensionistici separati e sostituirli con un sistema a punti singoli. Il progetto di riforma va a toccare anche il piano speciale di pensionamento di cui gode l'Opera di Parigi fin dal XVII secolo: prevede, tra le altre cose, la possibilità di smettere di lavorare a 42 anni con il massimo della pensione, 20 anni prima della media dei lavoratori. Un privilegio che ballerine e ballerini - che di solito iniziano a lavorare in tenera età - sono destinati a perdere, se verrà introdotto la riforma contro cui sta scioperando da quasi tre settimane il settore pubblico, mettendo in ginocchio in modo particolare i trasporti. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it