L'India regala a Modi una vittoria sopra ogni aspettativa

Trionfo dei nazionalisti indù nella più popolosa democrazia al mondo. Era dal 1984 che un partito non conquistava tanti seggi al Lok Sabha

elezioni india modi

Una vittoria "storica" che va oltre le più rosee aspettative anche del suo stesso partito: è quella incassata dal premier nazionalista indù, Narenda Modi, al termine della maratona di elezioni svoltasi in India tra l'11 aprile e il 19 maggio. Il suo Bharatiya Janata Party (Bjp) ha sbancato le parlamentari in India e si avvia a governare per altri cinque anni con la maggioranza assoluta. 

Il risultato ha incenerito le speranze della più celebre dinastia politica indiana, i Nehru-Gandhi, di tornare al potere e ha consegnato a Modi - tra i leader più potenti e divisivi degli ultimi anni - un altro mandato di cinque anni alla guida della più popolosa democrazia del mondo.

Secondo i dati parziali della Commissione elettorale, il Bjp ha conquistato almeno 302 seggi, molto oltre i 272 di cui aveva bisogno per ottenere la maggioranza dei 543 di cui è composta l'Assemblea (il Lok Sabha). Se confermata, si tratterebbe della più ampia percentuale mai ottenuta da un singolo partito dal 1984.

Il principale partito d'opposizione, il Congresso, è fermo a 51 seggi: il suo leader, Raul Gandhi - nipote e pronipote di tre premier - ha addirittura perso nella roccaforte familiare di Amethi, in Uttar Pradesh, conquistata dalla ex star delle soap opera e candidata del Bjp, Smriti Irani. 

"Insieme cresciamo, insieme prosperiamo e insieme costruiremo un'India forte e inclusiva. Ancora una volta l'India ha vinto", ha scritto Modi su Twitter, mentre i militanti del Bjp festeggiavano in tutto il Paese. "Grazie India", ha aggiunto il presidente del Bjp, Amith Shah, dal quartier generale del partito, invaso da tamburi, danze e petardi. Shah, un radicale con posizioni fortemente anti-islamiche, è dato come possibile ministro dell'Interno.

Il voto, una maratona durata sei settimane e costata oltre 7 miliardi di dollari, è stato visto come un referendum sulle politiche nazionaliste di Modi. Si pensava a un calo del premier rispetto al 2014 per la crisi economica con la disoccupazione ai massimi da 45 anni, al 6%, e un'agricoltura in grave difficoltà. Le recenti tensioni con l'eterno nemico Pakistan, invece, hanno premiato la linea di Modi basata sulla sicurezza nazionale e su un'aggressiva politica estera, che pare abbia convinto la maggioranza dei 900 milioni di indiani aventi diritto al voto. Proprio dal Pakistan, il premier Imran Khan si è detto impaziente di "lavorare con lui per la pace, il progresso e la prosperità nell'Asia del Sud".

La schiacciante vittoria dei nazionalisti indù ora preoccupa le minoranze, soprattutto i musulmani, che denunciano un aumento di violenze nei loro confronti da quando Modi è al potere. Il numero di deputati musulmani in Parlamento potrebbe scendere ancora dai 24 seggi che controllavano finora, il numero più basso dal 1952. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.